le notizie che fanno testo, dal 2010

Beppe Grillo stasera in TV su Sky? No, e senza spiegazioni

Beppe Grillo atteso stasera in tv su Sky ma su Twitter il capo politico del MoVimento 5 Stelle annulla tutto senza dare spiegazioni. "Perché" si chiedono i tanti attivisti, domanda emblematica visto che il MoVimento 5 Stelle fa della trasparenza la sua forza.

Era attesa per oggi l'intervista su Sky di Beppe Grillo, alle ore 20:30 sulla pay tv di Murdoch e in differita, alle ore 21:00, su Cielo, canale in chiaro del digitale terrestre. Ma a quanto pare qualcosa è andato storto. Circa un'ora fa, su Twitter, il capo politico del MoVimento 5 Stelle scrive: "L'intervista in diretta con SkygT24 (sic), prevista per le 20.30 di oggi da Genova, non si farà". Senza dare però nessuna spiegazione del perché è saltata l'intervista. Poco fa, sul blog di Beppe Grillo appare un minipost, non firmato però dal comico, dove si legge: "Ci sono due modi per fare campagna elettorale. Il primo serviti e riveriti nei salotti tv, magari con trasmissioni 'cucite addosso'. Noi preferiamo il secondo: nelle piazze, tra la gente. Perché la politica è delle persone. Per questo il 24 e 25 febbraio Votate per Voi MoVimento 5 Stelle. Ci vediamo in Parlamento, sarà un piacere". I commenti che seguono questo post, però, dimostrano tutta la delusione, ed il disappunto, di molti "grillini" che attendevano Beppe Grillo stasera in TV, intervista che avrebbe potuto anche portare altri voti al MoVimento 5 Stelle. Ma anche farglieli perdere, a seconda delle domande che sarebbero state fatte a Beppe Grillo, come ha già notato da qualcuno in Rete.

"Perché?? La coerenza è importante, così come la parola data. Allora era meglio non programmarla quest'intervista se poi doveva essere annullata all'ultimo e senza spiegazione. Così non mi piace....." scrive sul blog di Beppe Grillo Maddalena Franzosi, mentre Luca posta: "Sinceramente questo dietro front mi delude molto iniziamo male se diciamo e pubbliciziamo una cosa e poi nn la facciamo". E ancora, c'è gi m. che dice: "Non sono d'accordo con questa decisione. Al di là del riflesso sul numero di voti, un movimento che si presenta per la prima volta sulla scena politica a livello nazionale hai il diritto ma anche il dovere di far arrivare a tutti i cittadini quelle che sono le proprie idee e motivazioni. E molti cittadini sono raggiungibili solo attraverso la tv. Beppe, puoi dire quel che credi sul fatto che tutti usino internet, ma NON è così. Te ne presento una ventina solo io se vuoi. Non, non, non sono d'accordo", seguito, tra i tanti, da Alessio Santi, Vernio(PO) che afferma: "Perche' Grillo vuole solo monologhi sulla rete e nelle piazze e non accetta le domande dei giornalisti in tv? di chi la pensa in maniera diversa e fa domande anche scomode o difficili? Se e' strategia elettorale io non la condivido perche' un movimento deve essere innanzitutto trasparenza, responsabilita' e aperto al confronto e al dibattito altrimenti e' solo protesta non supportata da dati fattibili e attuabili per cambiare, per voltar pagina, per rigirare come tutto il movimento 5 stelle vuole quest'italia come un calzino. Ma rimane un sogno, un bel sogno in un cassetto chiuso, dopo dovremo svegliarci e confrontarci coi problemi seri e veri del Paese".

I commenti sul blog sono tanti, e mentre qualcuno cerca di giustificare, molti sembrano concordi sul fatto che la decisione presa a quanto pare "in solitaria" da Beppe Grillo (esattamente come quella di andare in tv) non sia coerente. "Prima critichiamo gli altri e poi ci comportiamo come loro. Se manteniamo gli impegni in questo modo, la vedo dura andare avanti" fa notare Felice Toscano, con Riccardo Felicetti che invece fa forse la domanda più importante ed emblematica di tutte, visto che il MoVimento 5 Stelle fa della trasparenza e della condivisione delle decisioni la sua forza: "Perché?".

Leggi anche: Ecco le domande di Sky a cui Beppe Grillo non ha voluto rispondere

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: