le notizie che fanno testo, dal 2010

Beppe Grillo: io convinto europeista. Uscita euro? Decide M5S online

Beppe Grillo cerca di rassicurare la Germania, spiegando di essere un "convinto europeista" ma ribadisce che l'uscita o meno dell'Italia dall'euro sarà decisa con "referendum online" tra gli attivisti del M5S.

Beppe Grillo, in una intervista ad Andrea D'Addio per il giornale tedesco Bild (pubblicata in italiano su Wired.it) , sembra cercare di rassicurare la Germania. Dopo aver aperto qualche tempo fa un sondaggio sul suo blog, che ha visto la netta prevalenza dei suoi "attivisti" votare per l'uscita dell'Italia dall'euro, Beppe Grillo nell'aprile scorso aveva anche riflettuto sul fatto che "l'euro non può essere un tabù" spiegando che "si può rimanere tranquillamente nella UE senza rinunciare alla propria moneta". Beppe Grillo aveva sottolineato come "non si tratta di essere ostili in principio all'euro, ma di poterselo permettere. Per rimanere nell'euro stiamo affamando il Paese, strangolando le aziende, trasferendo la ricchezza privata a copertura degli interessi sul debito pubblico che è (purtroppo) in euro. Se fosse in lire potremmo risolvere il problema del debito con la svalutazione della nostra moneta". La linea del capo politico del MoVimento 5 Stelle sembra quindi essere tracciata, così come quella dei suoi attivisti. Ad oggi, infatti, è probabile che se Beppe Grillo lanciasse un nuovo sondaggio sull'uscita o meno dell'Italia dall'euro, magari in vista di una votazione in Parlamento, i "grillini" del MoVimento 5 Stelle voterebbero per un ritorno alla lira. Una preoccupazione, questa, per l'Europa intera ed in particolare per la Germania, ma Beppe Grillo ora cerca di tranquillizzare. Al tedesco Bild infatti afferma: "Io sono un convinto europeista. Sono a favore di un referendum online sull'Euro e sono allo stesso tempo a favore di un'Europa unita, ma che sia moderna, che parli la stessa lingua e non undici differenti come accade al parlamento europeo. Ed anche il fisco dovrebbe essere uniformato tra i vari paesi". La preoccupazione di molti osservatori, però, rimane nel fatto che il futuro dell'euro potrebbe essere appeso ad un "referendum online", e cioè un sondaggio, tra gli attivisti del M5S.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: