le notizie che fanno testo, dal 2010

Beppe Grillo ad Annozero mette 50mila euro sul piatto. Vuoto

Beppe Grillo non ci sta a fare il "guardone della politica" e lancia una proposta al governo: "Ti dò 50.000 euro, ma sull'altro piatto mi devi mettere qualcosa sennò le mie 50.000 euro vanno nel calderone del debito".

Beppe Grillo come sempre parla chiaro ed arriva a chi lo sa e vuole ascoltare. Ad Annozero invita la gente a non fidarsi più "di un leader, di mettere un croce e stare a guardare" perché non è più il tempo di fare "i guardoni della politica". Ricorda che è il momento di unirsi in liste civiche, come quelle del MoVimento 5 Stelle e che alla fine Silvio Berlusconi ha "un partitino del ca..., un piccolo partitino" visto che "quando Berlusconi ha preso il 30 per cento dentro c'era AN col 12 per cento, quindi Berlusconi ha preso il 18 per cento. Il 18 per cento del 67 per cento delle persone che sono andate a votare è l'11 per cento di quelli che hanno dato il voto a Berlusconi. L'11 per cento, quindi 4 milioni di persone - spiegando - E' un perdente quest'uomo, è un vecchio senza prostata, senza capelli che ha perso politicamente. Quattro milioni di persone con 10 televisioni, cento giornali, miliardario e senza opposizione è un fallito. E' il passato".
Ma Beppe Grillo, che come i più bravi comici non fa solo ridere ma anche è soprattutto riflettere, sembra avere le idee più chiare di tanti politici. Poiché "siamo un Paese fallito" come ha il coraggio di ammettere in televisione e non ha voglia di fare il "guardone della politica", Beppe Grillo spiega la sua proposta.
"Si vuole tassare con la patrimoniale 1/3 degli italiani, per quelli che hanno sempre pagato le tasse, che non li hanno portati in Svizzera con lo scudo fiscale. Io glieli dò 50.000 - comincia il comico che poi spiega - Vuoi fare l'equazione di Tremonti debito pubblico, risparmio privato? Vuoi risanare col mio risparmio? Te li dò, 50.000 euro, ma sull'altro piatto mi devi mettere qualcosa sennò le mie 50.000 euro vanno nel calderone del debito".
"Per prima cosa - elenca Beppe Grillo - riduzione dei parlamentari, da 1000 a 500; due legislature e poi a casa con effetto retroattivo; mi fai un'equiparazione degli stipendi (dei parlamentari, ndr) con quelli di lavori esterni; mi togli le Province che costano 14 milardi all'anno; mi accorpi i Comuni sotto i 5000 abitanti; mi fai una legge che prevede un referendum dal basso senza quorum per i cittadini; mi fai la copertura finanziaria a qualsiasi cosa pensano i sindaci. Mi metti sul piatto questo e domani mattina ti dò 50.000 mila euro".
E conclude: "Ma non mettono nulla".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: