le notizie che fanno testo, dal 2010

Beppe Grillo: "Pertini lo mandava via a calci nel culo"

Beppe Grillo ad Annozero afferma a pieni polmoni: "Avessimo avuto Presidente della Repubblica Pertini lo mandava via a calci nel culo" ricordando che "siamo un Paese fallito" e che i "cittadini sono esplulsi".

Beppe Grillo ieri sera ad Annozero di Michele Santoro ha espresso quello che forse tanti italiani pensano ma non hanno il coraggio di dire. Parlando di Silvio Berlusconi il comico genovese concludendo la sua intervista afferma: "Avessimo avuto Presidente della Repubblica Pertini lo mandava via a calci nel culo".
Beppe Grillo spiega che "la gente non deve più fidarsi di un leader, di mettere un croce e stare a guardare - e rivolgendosi al pubblico - Non potete fare i guardoni della politica. Ognuno di noi si impegni per qualcosa: impegnatevi per l'acqua, per le piste ciclabili, per la scuola, ognuno si deve impegnare. Ca... se possiamo fare delle cose! Non hai bisogno di uno che ti rappresenti di 80 anni, non ne hai bisogno".
"Un puttaniere poi - continua Beppe Grillo - Poi facciamo le campagne sul puttaniere, vogliamo mandare via il puttaniere per eccesso di puttane. E' come mandare via Mussolini per eccesso di fascismo. E' la sua natura. Avessimo avuto Presidente della Repubblica Pertini lo mandava via a calci nel culo".
Beppe Grillo continua poi con la sua solita verve di comico: "Quel nano lì, col culo flaccido, è andato in televisione a dire ho letto su GOGOL (sic - sarebbe Google, ndr)! Hanno 75 anni. A casa immediatamente tutti - chiedendosi - Chi è che va in televisione a dire: Signori siamo un Paese fallito. Bisogna che qualcuno ve lo dica. Siamo a quasi 1900 miliardi di euro di debito, paghiamo 100 miliardi di euro di interessi all'anno, 30 aziende al giorno chiedono istanza di fallimento, sono circa 12mila all'anno".
"Noi abbiamo una lista civica, il MoVimento 5 Stelle, faremo 200-300 liste - continua Grillo - Sono ragazzi, cittadini, incensurati, senza essere scritti a partiti che vogliono entrare nei Comuni, come Milano, Bologna, Napoli, Torino, per cercare di riassestare questa malattia mentale del debito".
Beppe Grillo spiega: "Fai un referendum, lo mettono in un cassetto, vai contro il nucleare, vogliono fare 5 centrali, vai a filmare il tuo Comune ti mandano i poliziotti perché c'è la privacy. I cittadini sono esplulsi, ecco perché nascono i MoVimento 5 Stelle. Hanno detto che il portavoce della lista di Milano, che ha 20 anni ed è uno studente di scienze politiche, è troppo giovane, che non ha esperienza. Lo raffronti a chi, ad Alemanno che ha messo cani e porci dentro la giunta, alla Iervolino che ha inserito la camorra e i rifiuti in tutto il Comune? A chi si dovrebbe rapportare? A Chiamparino che ha fatto il più alto debito della storia di Torino? Le misure della Minetti le sanno tutti - 100, 90, 90 - ma della bicamerale, del federalismo, della Costituzione non sanno nulla. La Costituzione non la sanno neanche i parlamentari".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: