le notizie che fanno testo, dal 2010

Papa: "scienza dell'amore non si oppone alla scienza accademica"

Papa Benedetto XVI nell'udienza generale continua le sue meditazioni nel ciclo di catechesi sui Dottori della Chiesa. Questa volta il Santo Padre ha parlato di Santa Teresa di Lisieux (1873-1897) che Giovanni Paolo II definiva "esperta della scientia amoris".

Papa Benedetto XVI nell'udienza generale di mercoledì 6 aprile ha incontrato gruppi di fedeli che sono giunti da tutta Italia e da ogni parte del mondo. Il Santo Padre ha incentrato la sua meditazione, nell'ambito delle catechesi sui Dottori della Chiesa, sulla figura di Santa Teresa di Lisieux, nata nel 1873 e morta nel 1897. Le parole di Benedetto XVI sono come sempre da leggere attentamente, sia perché intrise come sono da profonda comprensione teologica ma anche dettate da un felice piglio evangelico, che non può che affascinare. La meditazione completa del Papa, che parla della vita di Santa Teresa di Lisieux, è disponibile a questo link (http://is.gd/lZN7g5) e merita come sempre, anche come unico scopo "intellettuale", di essere letta. Papa Benedetto XVI ricorda che "La 'piccola Teresa' non ha mai smesso di aiutare le anime più semplici, i piccoli, i poveri e i sofferenti che la pregano, ma ha anche illuminato tutta la Chiesa con la sua profonda dottrina spirituale, a tal punto che il Venerabile Papa Giovanni Paolo II, nel 1997, ha voluto darle il titolo di Dottore della Chiesa, in aggiunta a quello di Patrona delle Missioni, già attribuitole da Pio XI nel 1939. Il mio amato Predecessore la definì 'esperta della scientia amoris'. Questa scienza, che vede risplendere nell'amore tutta la verità della fede, Teresa la esprime principalmente nel racconto della sua vita, pubblicato un anno dopo la sua morte sotto il titolo di Storia di un'anima. E' un libro che ebbe subito un enorme successo, fu tradotto in molte lingue e diffuso in tutto il mondo".
A questo proposito, nel prosieguo della riflessione il Papa Benedetto XVI sottolinea che: "Con l'umiltà e la carità, la fede e la speranza, Teresa entra continuamente nel cuore della Sacra Scrittura che racchiude il Mistero di Cristo. E tale lettura della Bibbia, nutrita dalla scienza dell'amore, non si oppone alla scienza accademica. La scienza dei santi, infatti, di cui lei stessa parla nell'ultima pagina della Storia di un'anima, è la scienza più alta 'Tutti i santi l'hanno capito e in modo più particolare forse quelli che riempirono l'universo con l'irradiazione della dottrina evangelica. Non è forse dall'orazione che i Santi Paolo, Agostino, Giovanni della Croce, Tommaso d'Aquino, Francesco, Domenico e tanti altri illustri Amici di Dio hanno attinto questa scienza divina che affascina i geni più grandi?'".

© riproduzione riservata | online: | update: 07/04/2011

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Papa: "scienza dell'amore non si oppone alla scienza accademica"
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI