le notizie che fanno testo, dal 2010

Papa: in Siria e Iraq si trovi via della riconciliazione e della pace

Papa Benedetto XVI dopo l'Angelus fa un accorato appello per la Siria e l'Iraq "in particolare per quanti hanno maggiori responsabilità" perché la via del dialogo e della riconciliazione prevalga e si arrivi ad una "adeguata soluzione politica del conflitto".

La situazione in Siria si aggrava sempre di più. La città di Aleppo, secondo le testimonianze dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, è stata messa "a ferro e fuoco" con violenti combattimenti che hanno portato a decine di morti e feriti. Solamente nella giornata di ieri sarebbero 168 i morti, la maggior parte delle vittime proprio ad Aleppo, 94 delle quali civili. Questa Domenica Papa Benedetto XVI dopo la recita dell'Angelus si sofferma sulla situazione siriana con un accorato appello: "continuo a seguire con apprensione i tragici e crescenti episodi di violenza in Siria con la triste sequenza di morti e feriti, anche tra i civili, e un ingente numero di sfollati interni e di rifugiati nei Paesi limitrofi - ha detto il Santo Padre dal balcone del Cortile interno del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo -. Per questi chiedo che sia garantita la necessaria assistenza umanitaria e l'aiuto solidale. Nel rinnovare la mia vicinanza alla popolazione sofferente ed il ricordo nella preghiera, rinnovo un pressante appello, perché si ponga fine ad ogni violenza e spargimento di sangue. Chiedo a Dio la sapienza del cuore, in particolare per quanti hanno maggiori responsabilità, perché non venga risparmiato alcuno sforzo nella ricerca della pace, anche da parte della comunità internazionale, attraverso il dialogo e la riconciliazione, in vista di un'adeguata soluzione politica del conflitto". Ma non manca da parte di Papa Benedetto XVI un pensiero all'Iraq martoriata da una serie di attentati che mirano, come osservano molti esperti, ad una "balcanizzazione" del territorio. Una "branca" di Al Qaida che si fa chiamare 'Lo Stato islamico iracheno' ha rivendicato la serie di attentati che lunedì scorso hanno tolto la vita a 113 persone, mentre ieri due persone sono rimaste vittime (11 sono state ferite) in tre diversi attentati con delle auto bomba a Falluja. Dice Papa Benedetto XVI a proposito della violenze in Iraq: "Il mio pensiero si rivolge anche alla cara Nazione irachena, colpita in questi ultimi giorni da numerosi e gravi attentati che hanno provocato molti morti e feriti. Possa questo grande Paese trovare la via della stabilità, della riconciliazione e della pace".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: