le notizie che fanno testo, dal 2010

Papa Benedetto: "dobbiamo essere sensibili alla povertà dei popoli"

Papa Benedetto XVI all'Angelus dice che "è vietato essere indifferenti davanti alla tragedia degli affamati e assetati!" commentando il Vangelo della Domenica che testimonia "il miracolo della moltiplicazione dei pani, con i quali il Signore Gesù nutre una folla affamata".

Papa Benedetto XVI, affacciato al balcone del Cortile interno del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo ha pronunciato, prima della recita dell'Angelus, parole di meditazione sul Vangelo di domenica, il famoso brano di Matteo che descrive la "moltiplicazione dei pani e dei pesci". Spiega il Santo Padre: "Il miracolo consiste nella condivisione fraterna di pochi pani che, affidati alla potenza di Dio, non solo bastano per tutti, ma addirittura avanzano, fino a riempire dodici ceste. Il Signore sollecita i discepoli affinché siano loro a distribuire il pane per la moltitudine; in questo modo li istruisce e li prepara alla futura missione apostolica: dovranno infatti portare a tutti il nutrimento della Parola di vita e dei Sacramenti". Papa Benedetto XVI, all'interno della meditazione (qui in forma integrale http://is.gd/8XjgGK) non può non ricordare la situazione che sta vivendo il Corno d'Africa in questo periodo: "Il Signore ci offre qui un esempio eloquente della sua compassione verso la gente. Viene da pensare ai tanti fratelli e sorelle che in questi giorni, nel Corno d'Africa, patiscono le drammatiche conseguenze della carestia, aggravate dalla guerra e dalla mancanza di solide istituzioni. Cristo è attento al bisogno materiale, ma vuole donare di più, perché l'uomo è sempre 'affamato di qualcosa di più, ha bisogno di qualcosa di più'. Nel pane di Cristo è presente l'amore di Dio; nell'incontro con Lui 'ci nutriamo, per così dire, dello stesso Dio vivente, mangiamo davvero il 'pane dal cielo'". Il Santo Padre torna al problema africano dopo l'Angelus, nel suo saluto ai polacchi presenti: "Cari fratelli e sorelle dalla Polonia! Nel Vangelo di oggi abbiamo ascoltato il miracolo della moltiplicazione dei pani, con i quali il Signore Gesù nutre una folla affamata. Non ci dà per questo una ricetta utile a sfamare i popoli del mondo, né a risolvere il dramma della fame. Ci ricorda che è vietato essere indifferenti davanti alla tragedia degli affamati e assetati! Ci incoraggia a dare loro da mangiare, e a dividere il pane con i bisognosi. Seguendo il Cristo dobbiamo essere sensibili alla povertà dei popoli".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: