le notizie che fanno testo, dal 2010

Benedetto XVI: pochi gli operai e non è una "questione di management"

Papa Benedetto XVI durante la Liturgia dell'Ordinazione pronuncia un'omelia legata al Vangelo della Messa. "La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il Signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!" (Lc 10,2).

Nella Basilica Vaticana Papa Benedetto XVI ha celebrato la Santa Messa nel corso della quale ha conferito l'Ordinazione episcopale a 5 Presbiteri.
Hanno concelebrato con il Santo Padre i due Vescovi Angelo Sodano e Tarcisio Bertone insieme ai cinque Vescovi eletti.
Nel corso della Liturgia dell'Ordinazione il Papa pronuncia un' omelia che, come sempre, vale la pena di meditare in toto (http://is.gd/LOTK33).
Dice Papa Benedetto XVI: "'La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il Signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!'. Questa parola dal Vangelo della Messa di oggi ci tocca particolarmente da vicino in quest'ora. È l'ora della missione: il Signore manda voi, cari amici, nella sua messe. Dovete cooperare in quell'incarico di cui parla il profeta Isaia nella prima lettura: 'Il Signore mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai miseri, a fasciare le piaghe dei cuori spezzati'".
Il Papa sembra poi rivolgersi a tutti i cuori, credenti e non aggiungendo una riflessione che colpisce: "Anche se può sembrare che grandi parti del mondo moderno, degli uomini di oggi, volgano le spalle a Dio e ritengano la fede una cosa del passato – esiste tuttavia l'anelito che finalmente vengano stabiliti la giustizia, l'amore, la pace, che povertà e sofferenza vengano superate, che gli uomini trovino la gioia. Tutto questo anelito è presente nel mondo di oggi, l'anelito verso ciò che è grande, verso ciò che è buono. È la nostalgia del Redentore, di Dio stesso, anche lì dove Egli viene negato. Proprio in quest'ora il lavoro nel campo di Dio è particolarmente urgente e proprio in quest'ora sentiamo in modo particolarmente doloroso la verità della parola di Gesù: 'Sono pochi gli operai'. Al tempo stesso il Signore ci lascia capire che non possiamo essere semplicemente noi da soli a mandare operai nella sua messe; che non è una questione di management, della nostra propria capacità organizzativa. Gli operai per il campo della sua messe li può mandare solo Dio stesso. Ma Egli li vuole mandare attraverso la porta della nostra preghiera. Noi possiamo cooperare per la venuta degli operai, ma possiamo farlo solo cooperando con Dio. Così quest'ora del ringraziamento per il realizzarsi di un invio in missione è, in modo particolare, anche l'ora della preghiera: Signore, manda operai nella tua messe! Apri i cuori alla tua chiamata! Non permettere che la nostra supplica sia vana!".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: