le notizie che fanno testo, dal 2010

Belen Rodriguez: per quel video hard un indagato

La Procura di Milano avrebbe iscritto nel registro degli indagati Martinez Pardo, un argentino che in passato ha cercato di ricattare Belen Rodriguez chiedendo alla showgirl 500mila euro per non diffondere un video hard con la bella argentina protagonista.

La Procura di Milano avrebbe iscritto nel registro degli indagati Martinez Pardo, un argentino che in passato ha cercato di ricattare Belen Rodriguez. L'uomo, infatti, avrebbe prima cercato di vendere il video a "luci rosse" a diversi giornali e poi direttamente alla showgirl, chiedendo 500mila euro se non voleva che il filmato fosse reso di dominio pubblico.
Il video mostrerebbe delle scene "piccanti" di Belen Rodriguez, quando ancora 17enne, con lo stesso Martinez Pardo, con cui avrebbe avuto una relazione.
Il filmato in questione sembra che non sia stato ancora acquisito tra gli atti dell'indagine.
La notizia di questo video era già uscita qualche tempo fa, quando le cronache raccontarono di una presunta rissa avvenuta tra Fabrizio Corona e l'argentino. Stando al gossip di allora, pare che Corona e Belen avessero chiesto un incontro con l'uomo senza rivelare la loro identità ma una volta faccia a faccia la discussione sembra poi essere degenerata.
Ora sta solo a capire se questo famoso video esiste realmente oppure no.
Aggiornamento 30 aprile 2012:
Il pm chiede l'archiviazione del fascicolo, e si precisa che il modello Tobias Blanco Martinez Pardo non sarebbe mai stato iscritto nel registro degli indagati perché mai formalmente identificato.

© riproduzione riservata | online: | update: 30/04/2012

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Belen Rodriguez: per quel video hard un indagato
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI