le notizie che fanno testo, dal 2010

Obama svela certificato di nascita. Ma non mistero di Barry Soetoro?

Barack Obama cerca di dissipare tutti i dubbi dei "birther", pubblicando l'estratto del suo certificato di nascita, che attesterebbe la sua nazionalità americana. Ma i soliti "cospirazionisti" sembra che si domandino ancora chi è Barry Soetoro.

In queste ultime settimane diversi esponenti repubblicani, tra cui Donald Trump, che sembra essere sempre più vicino alla candidatura per le presidenziali del 2012, hanno ridato maggior slancio alle tesi dei "birther", ovvero di coloro che ormai da diversi anni sostengono che in realtà Barack Obama non sia nato ad Honolulu, Hawaii, ma bensì in Kenya. Il problema principale nasce dal fatto che secondo la Costituzione americana il Presidente degli Stati Uniti, così come il vicepresidente, devono essere nati negli USA. Durante la campagna elettorale del 2008 Barack Obama pubblica sul suo sito un estratto del certificato di nascita, non riuscendo però a colmare i tanti dubbi del movimento dei "birther". Così ieri (27 aprile), con una mossa a sorpresa, Barack Obama cerca di placare i "pettegolezzi" intorno alla sua persona, e mentre su internet veniva "postato" il suo certificato di nascita completo (http://is.gd/ExKzfq), lui si rivolge "a tutto il popolo americano" affermando: "Non abbiamo tempo per queste stupidaggini. Ho tante cose più importanti da fare". Mossa però che continua a non convincere i cosiddetti "cospirazionisti", alcuni dei quali hanno cercato anche di indagare a fondo sul passato un po' troppo oscuro, a loro dire, di un Presidente degli Stati Uniti, la cui vita dovrebbe essere invece sotto i riflettori e verificabile un po' da tutti. Wayne Madsen, per esempio, giornalista investigativo, ha esposto la sua teoria sull'ascesa di Barack Obama, la quale sarebbe stata possibile grazie ai forti legami con la CIA che avrebbe l'attuale Presidente degli Stati Uniti, così come in passato li ebbe la sua famiglia d'origine (da Barack Obama Sr. alla madre Stanley Ann Dunham fino ad arrivare a Lolo Soetoro). Circa un anno fa Wayne Madsen ha messo insieme un lungo reportage che spiega come sarebbe arrivato ad elaborare tale teoria, visibile su Youtube ai link (http://is.gd/IJWTGj - http://is.gd/jQUJxQ - http://is.gd/fVeTPc), e postato dall'Alex Jones Show. Ed era stato proprio l'Alex Jones Show a far rimbalzare in rete circa un anno fa che il vero nome di Barack Hussein Obama II sarebbe in realtà Barry Soetoro. Insomma, la vita di Barack Obama, stando a tali tesi, sembra quasi avvicinarsi un po' a quella romanzata di "The Manchurian Candidate", film del 2004 diretto da Jonathan Demme, ma remake del film del 1962 "Va' e uccidi" (The Manchurian Candidate) di John Frankenheimer. Ciò che impressiona maggiormente, forse, è infatti veder apparire su Google, digitando il nome di Barry Soetoro, la faccia di Barack Obama (con tanto di sigaretta in bocca) come se improvvisamente proiettati in una puntata di "The Twilight Zone".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: