le notizie che fanno testo, dal 2010

Obama: gaffe in India, neanche una parola sul "fattore P"

Barack Obama è in India per stringere nuovi accordi commerciali per un valore di 10 miliardi di dollari ma non tutti gli indiani sono contenti. Obama sembra più propenso a prendere che a offrire" si dice, senza contare la gaffe sull'attentato a Mumbai di due anni fa.

E' stato il primo discorso di un presidente americano in un posto che ha visto il più grande attacco contro l'India. E' stata una vera delusione in quanto il mondo intero e anche gli Stati Uniti hanno le prove che l'attacco è stato pianificato in Pakistan", afferma il portavoce del Bjp (Bharatya Janata Party o Partito del popolo indiano), Rajiv Pratap Rudy dopo il discorso di Barack Obama a Mumbai che ha ricordato l'attentato terroristico di due anni fa che ha causato 166 vittime.
Barack Obama ha quindi iniziato la sua visita in India con una "gaffe" che ha messo in imbarazzo tutti, anche l'opposizione indù nazionalista, considerata filo americana rispetto al Congresso di Sonia Gandhi.
Ad Obama non è bastato infatti dire che Gandhi è la sua "fonte di ispirazione" per rimendiare alla dimenticanza di citare, almeno una volta, il cosiddetto "fattore P". Il Presidente USA ha infatti detto che i responsabili dell'attentato saranno puniti ma non vi è stato nessun tipo di accenno al gruppo estremista pachistano Lashkar-e-Taiba, ritenuto responsabile di quanto successo proprio nell'hotel Taj Mahal dove ha deciso di pronunciare il suo discorso.
Il Presidente USA è giunto in India per intrattenere nuovi accordi commerciali con il Paese per un valore di dieci miliardi di dollari ma sempre Rajiv Pratap Rudy del Bjp sostiene che Obama "ha perso un'occasione per raggiungere il cuore degli indiani".
Oltretutto a diversi commentatori politici indiani non sembra piacere questo tipo di strategia e uno di questi, dell'agenzia Ani, addirittura precisa che "a differenza del suo predecessore George W. Bush che ha offerto all'India uno storico accordo sul nucleare civile nel 2005, Obama questa volta sembra più propenso a prendere che a offrire".
E d'altronde Obama non manca di sottolineare che "gli americani hanno contribuito a costruire l'India e gli indiani hanno aiutato a costruire l'America".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: