le notizie che fanno testo, dal 2010

Obama: c'è l'accordo su aumento tetto del debito. Default USA evitato

Come da film ben sceneggiato, l'accordo che eviterà il default degli Stati Uniti è stato raggiunto all'ultimo minuto, e così l'Armageddon è stato scongiurato. Ad annunciarlo (anche se manca ancora il voto) Barack Obama.

I ripetuti appelli di Barack Obama alla fine hanno evitato il default degli Stati Uniti, anche se i più maliziosi non credono più da tempo al teatrino della politica, anche quella internazionale, e in pochi probabilmente temevano davvero che alla fine il Congresso non avrebbe raggiunto un accordo. Il gioco delle parti sembra aver funzionato, e all'ultimo minuto (come nella miglior trama di un film ben sceneggiato), Barack Obama annuncia in conferenza stampa che l'accordo sull'innalzamento del tetto del debito è stato raggiunto. Naturalmente, non è l'accordo che Obama avrebbe voluto, sottolinea immediatamente il Presidente USA, ma "è un compromesso che consente la riduzione del deficit di cui abbiamo bisogno e ci consente di evitare il default". Il voto definitivo sembra che avverrà entro la giornata, ma i termini del compromesso ormai difficilmente cambieranno. Si parla di un innalzamento del tetto di indebitamento americano da 2400 miliardi di dollari e altrettanti tagli alle spese. Sia l'aumento del debito che i tagli pare che avverrano in diverse fasi, ma entro l'anno. Sembra inoltre che nell'accordo si sia stabilito che gli Stati Uniti dovranno ridurre la propria spesa pubblica di 1000 miliardi di dollari in 10 anni. Inoltre, si dovrebbe votare un emendamento sull'obbligo del pareggio del bilancio, anche se ciò non sembra che vieterà gli USA di innalzare, se necessario, ulteriormente il tetto del debito. L'annuncio di Obama, avvenuto circa alle 20.30 (2.30 ore italiane) dovrebbe probabilmente rassicurare le Borse, anche se si attendono con trepidazione le aperture dei mercati, visto che il 2 agosto è ormai arrivato mentre il voto continua ad essere una promessa. L'Armageddon annunciato da Barack Obama, comunque, sembra essere stato per ora scongiurato. Almeno apparentemente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: