le notizie che fanno testo, dal 2010

Obama: aumento salario minimo per lavoratori federali e "scala mobile"

Barack Obama punta a scavalcare il Congresso adottando un decreto che aumenterà da 7,25 dollari a 10,10 dollari il salario minimo per i lavoratori con contratto federale, nonché l'adozione di una sorta di "scala mobile" che permetterà di indicizzare il salario all'inflazione. L'annuncio è atteso nel corso del suo discorso sullo Stato dell'Unione.

Tra le azioni che Barack Obama vorrebbe annunciare nel corso del suo discorso sullo Stato dell'Unione ci sarebbe quella di innalzare, attraverso un decreto che scavalcherebbe il Congresso, il salario minimo per i lavoratori con contratto federale. Secondo le intenzioni di Obama, il salario minimo orario passerebbe quindi, nell'arco di tre anni, dagli attuali 7,25 dollari a 10,10 dollari. Un primo passo, questo, per creare un aumento di salario minimo per tutti americani, anche se il presidente USA non ha il potere di innalzare unilateralmente il salario minimo per i lavoratori del settore privato. L'aumento, sostenuto dai democratici progressisti, si applicherebbe a tutti quei lavoratori che svolgono servizi per il governo federale, che equivalgono a circa 2 milioni di dipendenti. L'ordine esecutivo riguarda però solo i contratti futuri, non quelli già esistenti, e si applicherebbe solo ai rinnovi contrattuali. Di conseguenza, tale aumento sarebbe applicabile a molti meno lavoratori rispetto al numero di impiegati federali. Tra le idee di Obama, anche quello di applicare in seguito una sorta di "scala mobile" per i lavoratori, con indicizzazione del salario all'inflazione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: