le notizie che fanno testo, dal 2010

Bankitalia: da fine 2007 ricchezza famiglie cala dell'8%

Bankitalia rivela che dalla fine del 2007, quando è iniziata (ad essere percepita) la crisi economica, la ricchezza netta complessiva delle famiglie italiane è scesa dell'8%. Nonostante questo, le famiglie italiane mostrano ancora nel confronto internazionale "un'elevata ricchezza netta, pari nel 2012 a 8 volte il reddito lordo disponibile".

Nel 2013 il valore reale della ricchezza netta complessiva delle famiglie italiane si è ridotta dell'1,7 per cento rispetto al 2012. Dalla fine del 2007, quando è iniziata (ad essere percepita) la crisi, la flessione a prezzi costanti è stata complessivamente pari all'8 per cento. A rendelo noto è la Banca d'Italia nel supplemento al Bollettino Statistico n. 69 ancticipando che, stando alle stime preliminari, nel primo semestre del 2014 la ricchezza netta delle famiglie italiane sarebbe ulteriormente diminuita dell'1,2 per cento in termini nominali rispetto allo scorso dicembre. Bankitalia precisa che "la flessione del valore delle attività reali (-3,5 per cento), dovuta al calo dei prezzi medi delle abitazioni (-5,1 per cento), è stata solo in parte compensata da un aumento delle attività finanziarie (2,1 per cento) e da una riduzione delle passività (-1,1 per cento)" rivelando che "alla fine del 2013, la ricchezza abitativa detenuta dalle famiglie italiane superava i 4.900 miliardi di euro" valore che registra "una flessione del 4,1 per cento rispetto all'anno precedente (-4,4 per cento in termini reali)". La crisi economica in Italia è sentita meno che in altri Paesi, nonostante l'elevato livello di disoccupazione e le scarse prospettive a livello industriale, per il fatto che "nonostante il calo degli ultimi anni, le famiglie italiane mostrano nel confronto internazionale un'elevata ricchezza netta, pari nel 2012 a 8 volte il reddito lordo disponibile". Bankitalia conferma inoltre che "relativamente basso" risulta anche "il livello di indebitamento (81 per cento del reddito disponibile), nonostante i significativi incrementi dell'ultimo decennio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: