le notizie che fanno testo, dal 2010

BP: siamo responsabili della marea nera

La BP si assume le responsabilità del disastro nel Golfo del Messico. E intanto arriva la notizia che non sono 5mila i barili di petrolio in mare ma 60mila.

L'amministratore delegato di BP dice che la compagnia petrolifera non ha provocato direttamente il disastro che sta mettendo a rischio l'intero ecosistema marino della zona costiera del Golfo del Messico, pur assumendosi tutte le responsabilità del disastro.
Interviene anche Barack Obama, annunciando che il governo americano si sta impegnando a limitare quanto più possibile il danno economico che la marea nera sta provocando.
Intanto arriva la notizia che non sono 5mila i barili di petrolio versati direttamente in mare dal giacimento sottomarino, ma ben 60mila. La BP l'aveva tenuto nascosto fino a ieri.
Il National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), intanto, ordina lo stop per dieci giorni alla pesca commerciale e sportiva nelle acque inquinate dalla marea nera. Intanto si sta preparando un vertice tra la BP e l'amministrazione Obama per decidere sulla situazione, ora in stallo visto che si sta attendendo la famosa cupola che dovrebbe arginare la fuoriuscita di petrolio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: