le notizie che fanno testo, dal 2010

Vertice BCE, Spagna sospende Schengen: se sei "anti-sistema" non entri

Il 3 maggio a Barcellona si terrà un vertice della BCE. Sono previsti migliaia di manifestanti pronti a protestare le politiche della Banca centrale europea e così la Spagna sospende l'accordo di Schengen al confine con la Francia.

L'apertura delle frontiere è spesso considerata il segno evidente della conquista democratica dell'Europa unita, ma è emblematico constatare che spesso si va a sospendere tale libertà di movimento proprio per impedire (o perlomeno scoraggiare) i cittadini europei ad esercitare il fondamentale diritto democratico a manifestare.
Ancora una volta, infatti, l'accordo di Schengen sarà sospeso a ridosso di un importante evento, come in questo caso la riunione sulla politica monetaria della Banca centrale europea (BCE), in programma il 3 maggio a Barcellona.
La Spagna, infatti, dopo il via libera della Commissione europea, ha deciso di sospendere temporaneamente la sua politica di apertura delle frontiere nei confronti della Francia, per cercare di limitare l'entrata in massa di manifestanti che intendono protestare contro il sistema della BCE.
Dal 28 aprile (quindi ben 4 giorni prima del vertice della BCE a Barcellona) e fino al 5 maggio, quindi, ogni cittadino europeo che ha intenzione di entrare in Spagna dalla Francia (passaggio quasi obbligato) sarà sottoposto a severi controlli di sicurezza e, stando a quanto riportano alcuni media internazionali, se l'individuo sarà giudicato "anti-sistema" non gli sarà permesso di entrare nel Paese.
Cosa si intenda esattamente per "anti-sistema" non è del tutto chiaro anche se facilmente immaginabile, ma questo sembra venir giustificato dal fatto che presunte informative di intelligence segnalerebbero un possibile "coinvolgimento di cittadini stranieri pronti ad attuare proteste di piazza violente".
Ma se per la Spagna sembra esistere "una grave minaccia per l'ordine pubblico e la sicurezza interna", altri potrebbero pensare che la sospensione dell'accordo di Schengen serva principalmente per dissuadere quante più persone possibili ad esercitare il diritto di manifestare liberamente (sul posto) la propria contrarietà alla politica che sta portando avanti la BCE.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: