le notizie che fanno testo, dal 2010

Bini Smaghi "in piena libertà e disinteresse" lascia BCE per Harvard

Lorenzo Bini Smaghi lascia la BCE, dopo tanti tira e molla che avevano aperto una quasi crisi dplomatica con la Francia. Ringraziano caldamente Mario Draghi e Giorgio Napolitano, che sottolinea la "piena libertà" della decisione dell'economista.

La quasi crisi diplomatica tra Italia e Francia è finalmente rientrata. Lorenzo Bini Smaghi ha infatti annunciato che lascerà il board della BCE per andare ad insegnare all'Università di Harvard a partire dal prossimo primo gennaio. Per il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano l'annuncio delle dimissioni di Bini Smaghi è una conferma del fatto che sono state date "in piena libertà e dando prova di assoluto disinteresse personale", anche se qualche malizioso forse si domanderà perché l'economista abbia atteso così tanto prima di dare "prova" della sua "indipendenza". "Desidero esprimere l'apprezzamento del paese per il senso di responsabilità e di lealtà anche verso l'Italia che si esprime in questo suo gesto, e rivolgergli un vivo ringraziamento per i servigi resi in questi anni alla causa europea, cui l'Italia è indissolubilmente legata" sottolinea ancora in una nota il Capo dello Stato, mentre Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, "ringrazia caldamente Bini Smaghi per i contributi che ha offerto in molti anni nel settore degli affari economici e monetari europei e internazionali", precisando come Bini Smaghi sia "stato fautore dell'indipendenza della BCE". Le dimissioni di Lorenzo Bini Smaghi, ironizza forse qualcuno, eviteranno così a Berlusconi di "ucciderlo" (come aveva scherzato pochi giorni fa il premier parlando con alcuni giornalisti - http://is.gd/t5WYUu) a causa dei suoi ripetuti dinieghi, fino ad oggi, ad uscire dal Board esecutivo e del Governing Council della BCE, per far posto ad un rappresentante francese.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: