le notizie che fanno testo, dal 2010

Apple dà battaglia ma Germania approva malware da inserire su iPhone

Il Ceo della Apple Tim Cook punta i piedi e nega agli Stati Uniti di creare una backdoor per carpire i dati degli iPhone utilizzati da sospetti terroristi, ma il Ministero dell'Interno della Germania approva l'uso di un malware Trojan che consentirà agli investigatori di accedere ai computer o agli smartphone dei sospettati.

Mentre il Ceo della Apple Tim Cook punta i piedi e nega agli Stati Uniti di creare una backdoor per carpire i dati degli iPhone utilizzati da sospetti terroristi, il Ministero dell'Interno della Germania avrebbe approvato l'uso di un malware Trojan che molto più semplicemente consentirà agli investigatori di accedere ai computer o agli smartphone dei sospettati. Il software noto come Federal Trojan è stato formalmente approvato a fini di spionaggio. In sostanza, quindi, mentre gli USA citano la Apple in tribunale in base al All Writs Act del 1789 affinché Tim Cook crei una nuova versione del sistema operativo iOS per permettere agli investigatori di accedere ai dati presenti nei melafonini, la Germania in maniera molto più pratica cercherà di immettere direttamente un malware sull'iPhone, all'insaputa del proprietario e della multinazionale di Cupertino.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: