le notizie che fanno testo, dal 2010

Apple TV con joypad sfida PlayStation 4, Xbox One e Wii U, ma in poltrona

I rumors sull'Apple TV attesa a San Francisco, nuova di zecca, sono ridotti a tre: videogiochi, streaming e domotica. Una sfida a Xbox One, PlayStation 4 e Wii U, ma in poltrona. Con gli elettrodomestici che partono a suon di musica e il grosso iPhone 7 (anzi iPhone 6s) poggiato fuori dalla grotta.

Il marketing di Apple affila le armi in occasione dell'evento che il 9 settembre, al Graham Civic Auditorium di San Francisco (non al solito Yerba Buena Center), dovrebbe lanciare non solo l'iPhone 6s e l'iPhone 6s plus (da molti già ribatezzati iPhone 7, tanto per non mettere altro marketing al fuoco) ma anche vari altri prodotti di cui l'uomo moderno non può certamente fare a meno. Oltre alla clava rappresentata dallo smartphone, una volta tornato alla base per la ricarica ad induzione, l'uomo del terzo millennio ha assoluta necessità di sedersi sul divano e pensare... a quale programma televisivo dedicarsi per la serata. Apple questo lo sa, e dopo aver firmato la clava tenta da circa 8 anni di riformare il focolaio domestico con una Mela TV che offra la tentazione definitiva. Questa volta secondo i rumors statunitensi dovrebbe essere la volta buona per una Apple TV più smart e "centrale" nella gestione della casa moderna (che sia un tugurio in uno slum o una villa da reality show, ovviamente). L'ennesima versione della Apple TV che presenterà Tim Cook sul palco dell'Apple event dovrebbe infatti avere almeno tre facce nuove nei suoi quattro lati (pare sarà infatti un set top box letterale anche come design): la prima è quella "tradizionale" (ovvero streaming, musica e tv), la seconda è quella dedicata ai videogiochi (cioè gaming in lingua italiana), mentre la terza faccia dovrebbe essere immolata alla domotica. Insomma non proprio una vera e propria genialata alla Steve Jobs (ma a proposito dove sono finiti i brevetti che post-mortem-Jobs avrebbero garantito rivoluzioni in Apple?) ma sicuramente un altro tassello verso l'Apple che verrà (da dove e per dove questo non lo sa evidentemente nemmeno Tim Cook).

Dagli States i rumors puntano comunque soprattutto sulla vocazione videoludica che Apple TV dovrebbe incarnare (magari in stile Videodrome). C'è chi profetizza (un po' alla Phil Harrison del 2011) che Apple TV sarà la risposta "da divano" (o poltrona) ai colossi del gaming quali PlayStation 4, Xbox One e Wii U. In connessione con la domotica Apple TV potrebbe in effetti avere una marcia in più rispetto alle console classiche. Apple TV una volta vinta la partita a FIFA 16 potrebbe far partire il microonde per scaldare la cena e mettere il superfreddo alla spillatrice della birra, via domotica si intende. Ma c'è chi mette subito le mani avanti. Xbox One, Wii U e Playstation 4 non sono il target del lato gaming di Apple TV. Il nuovo set top box di Apple sarà una sorta di via di mezzo nel mercato tra i giovani hard gamers (sempre in italiano) e i videgiocatori un po' più attempati "vorrei-ma-non-posso" che, dopo un'impegnativa maratona su Netflix (con cui Apple TV dovrebbe essere "compatibile") vogliono sparare un paio di zombie sul megatelevisore (senza riattaccare l'Xbox). Il fatto che Apple racimoli una gran parte di fatturato dai videogiochi nel settore mobile non fa sembrare neppure tanto strana l'indiscrezione del New York Times che vorrebbe proprio Apple TV equipaggiata con un touchpad (a mo' di telecomando) che all'uopo possa trasformarsi in un joypad. Scontato il fatto che il fido iPhone 7, pardon, iPhone 6s possa diventare all'occorrenza anch'esso un telecomando per Apple TV e, chiaramente, una clava joypad. Lontani i tempi in cui il "videgioco" preferito era quello di tirare il telecomando ai fratelli (e sorelle), il nuovo focolare TV targato Apple dovrebbe costare 149 dollari.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: