le notizie che fanno testo, dal 2010

Ferri invade campo per Cassano: le condanne non fermano il Falco

Mario Ferri invade il campo durante la semifinale tra Spagna e Germania, con una vuvuzela e una maglietta che inneggia a Cassano. Lo ha fatto altre volte e per questo ha una condanna a 10 mesi ed è "diffidato" ad entrare negli stadi fino al 2018.

È Mario Ferri l'uomo che durante la semifinale dei Mondiali tra Spagna e Germania ha invaso il campo con una maglietta di Superman e ha corso quanto più poteva con una vuvuzela rossa, tutto per il suo idolo Antonio Cassano. Ferri non è nuovo a queste invasioni di campo. Era stato già protagonista nel 2009 nell'amichevole Italia-Olanda a Pescara e a maggio in Sampdoria-Napoli, beccandosi anche una condanna di 10 mesi di carcere. E naturalmente non doveva più rimettere piede allo stadio fino al 2018. Niente lo ha fermato. Per Mario Ferri il messaggio che ogni volta lancia è trooppo importante: già dall'anno scorso sulla maglia campeggiava un "Cassano in nazionale". Questa volta Ferri ha anche aggiunto "Lippi, te l'avevo detto". A Durban però ha anche fatto di più. Sulla maglietta con la S di Superman c'era anche un messaggio di pace per il mondo e due sponsor (che pare gli hanno finanziato il viaggio) tanto per non farsi mancare niente.
Il suo soprannome di battaglia è il "Falco", e per lui Cassano è più importante di qualsiasi tipo di arresto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: