le notizie che fanno testo, dal 2010

Televoto: Antitrust chiede di escludere i call center

Ormai quasi ogni trasmissione televisiva sembra essersi piegata al meccanismo del televoto, e non è neanche difficile immaginare il perché. Ma l'Antitrust ha chiesto a Rai e Mediaset di escludere le utenze business dal meccanismo del televoto, cioé i call center.

Ormai quasi ogni trasmissione televisiva sembra essersi piegata al meccanismo del televoto, e non è neanche difficile immaginare il perché. E ora che l'Antitrust ha chiesto a Rai e Mediaset di escludere le utenze business dal meccanismo del televoto è ancor più facile immaginare quanto lo slogan che recita che il giudizio del "popolo sovrano è insindacabile" sia privo di fondamento.
In poche parole l'Antitrust ha dato 20 giorni di tempo a Rai e Mediaset per comunicarle le misure che adotteranno per escludere i call center dal meccanismo del televoto.
L'Antitrust si è mossa in tale direzione dopo le molte segnalazioni che gli sono pervenute riguardo alcune trasmissioni, tra cui il Festival di Sanremo e il Grande Fratello.
"Il meccanismo del televoto deve essere trasparente: il voto degli spettatori che seguono una trasmissione invogliati anche dall'idea di potere contare nella scelta di un candidato non può essere falsato, nemmeno potenzialmente, dai voti che arrivano dai call center", fa sapere l'Antitrust che spera che le due società si adeguino alle richieste, altrimenti sarà costretta ad aprire "due procedure sanzionatorie".
Insomma, senza l'utilizzo dei call center il televoto potrebbe finalmente rispecchiare la volontà del pubblico, quindi tutti dovrebbero apprezzare questo intervento dell'Antitrust. Eppure qualche lobby sembra che si stia già facendo due conti in tasca.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: