le notizie che fanno testo, dal 2010

Power Balance funziona? No e arrivano le sanzioni dell'Antitrust

L'Antitrust multa Power Balance Italy e Sport Town "per avere attribuito ai bracciali di silicone e neoprene e alle collane a marchio 'Power Balance', qualità, proprietà ed effetti sull'equilibrio, sulla forza e sulla resistenza fisica, non rispondenti al vero".

Il braccialetto "Power Balance" che ha fatto impazzire il mondo e che chiaramente è impazzato tra gli italiani che della forma fisica hanno il culto, sarebbe "solo" un braccialetto senza "poteri" da supereroi.
La triste notizia arriva per tutti coloro i quali avevano pensato che questa moderna "piuma di Dumbo" portasse dei benefici. Rimarrano delusi i "fitness addict" che si compiacevano a leggere in rete che nelle gare sportive il Power Balance sarebbe stato vietato perché considerato come "doping".
L'Antitrust difatti non solo ha decisio di multare le società che distribuiscono "il braccialetto dell'equilibrio" perché "non produce gli effetti promessi" ma è stata disposta anche la "pubblicazione della dichiarazione rettificativa sui siti internet e su alcuni organi di informazione" che sembra celebrassero allegramente i poteri del braccialetto "Power Balance" di "silicone e neoprene".
Dalla nota dell'Antitrust infatti si legge: "L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 22 dicembre, ha deciso di sanzionare le società Power Balance Italy e Sport Town, con multe rispettivamente di 300mila e 50mila euro, per avere attribuito ai bracciali di silicone e neoprene e alle collane a marchio 'Power Balance', qualità, proprietà ed effetti sull'equilibrio, sulla forza e sulla resistenza fisica, non rispondenti al vero. Secondo l'Antitrust, con le loro comunicazioni prive di ogni riscontro scientifico, le due società hanno indotto i consumatori a compiere scelte di acquisto che altrimenti non avrebbero fatto". E l'Autorità continua a spiegare che:"L'Antitrust ha adottato il provvedimento alla luce della documentazione presentata dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS) secondo il quale non esiste alcuna documentazione scientifica in grado di provare gli effetti promessi dalle due società, con toni enfatici e perentori, nei messaggi diretti ai consumatori" (http://is.gd/jna2r)

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: