le notizie che fanno testo, dal 2010

Redditometro 2013: tra voci di spesa anche pay tv e gioco online

Il Redditometro 2013 "misurerà" nelle famiglie italiane 100 voci di spesa divise in sette categorie. Nella lista, pubblicata da CGIA di Mestre spiccano anche "l'acquisto di elettrodomestici, gli abbonamenti alla pay-tv, il gioco online e i preziosi". L'Agenzia delle Entrate scalda i motori, e se il DM Monti non verrà ritirato, le prime lettere arriveranno a Marzo.

Mentre l'Agenzia delle entrate scalda i motori del Redditometro 2013 gli italiani, già incupiti dalla crisi mondiale, dalla recessione economica, dalla vessazione della pressione fiscale, e da un futuro lavorativo incerto incominciano a preoccuparsi per uno strumento che appare quantomeno iniquo a cominciare dall'"onere della prova", a carico del cittadino. Il problema infatti, a quanto pare sta nel "metodo". In un certo senso, le famiglie italiane, dal Redditometro 2013 si vedranno passate non tanto ai raggi X quanto "misurate" da uno "studio di settore", il che è ben diverso. Se infatti i "raggi X" vedono quello che c'è "sotto", lo "studio di settore" presume di default che ci sia qualcosa sotto, in base a delle medie statistiche. La morale popolare, come sempre, tira le somme. Il poveraccio che non ha soldi per "difendersi" dovrà "giustificare" che possiede un unico paio di scarpe, mentre chi di scarpe ne ha armadi pieni sorriderà della media Istat a cui sarà "paragonato". L' esperienza del comune cittadino vessato per una multa ingiusta e "non annullabile" per vie "del buon senso" dal muro di gomma e dall'arroganza della burocrazia fa immaginare il "brivido da redditometro". Ma quali sono le voci di spesa del Redditometro 2013 con il livello dei consumi delle famiglie italiane sarà misurato? (e poi, in mancanza di dati, "presunto"?).

La CGIA di Mestre ha raccolto le 100 voci del Redditometro 2013, ricordando la loro organizzazione in sette (bibliche?) categorie: "1. Abitazione; 2. Mezzi di trasporto; 3. Assicurazioni e contributi previdenziali; 4.Istruzione; 5.Attività sportive-ricreative e cura della persona; 6. Altre spese significative; 7. Investimenti immobiliari e mobiliari netti". La CGIA di Mestre segnala come "tra le voci si segnalano anche l'acquisto di elettrodomestici, gli abbonamenti alla pay-tv, il gioco online e i preziosi. Il redditometro mapperà nel dettaglio anche i patrimoni, sia immobiliari sia mobiliari (obbligazioni, conferimenti, derivati, titoli di stato)".

Ecco la lista della voci di spesa del Redditometro 2013 pubblicata da CGIA: "Automobili; Minicar; Caravan; Moto; Aeromobili; Imbarcazioni; Mezzi di trasporto in leasing o noleggio; Responsabilità civile; Incendio e furto; Vita; Danni; Malattia; Infortuni; Altro; Contributi obbligatori; Contributi volontari; Previdenza complementare; Asili nido; Scuola per l'infanzia; Scuola primaria; Scuola secondaria; Soggiorni studio all'estero; Corsi di lingue straniere; Corsi universitari; Corsi di preparazione agli esami; Scuole di specializzazione; Master; Canoni di locazione per studenti università; Attività sportive; Circoli culturali; Circoli ricreativi; Cavalli; Giochi on-line; Abbonamenti pay-tv; Abbonamenti eventi; Viaggi organizzati; Alberghi; Centri benessere; Altri servizi per la cura della persona; Veterinarie; Donazioni effettuate; Gioielli e preziosi; Oggetti d'arte o antiquariato; Donazioni in denaro in favore di onlus e simili; Assegni periodici corrispondenti al coniuge; Fabbricati; Terreni; Natanti ed imbarcazioni; Autoveicoli; Caravan; Motoveicoli; Minicar; Aeromobili; Obbligazioni; Conferimenti; Quote di partecipazione; Fondi d'investimento; Certificati di deposito; Derivati; Pronti contro termine; Buoni postali fruttiferi; Conti deposito vincolati; Altri prodotti finanziari; Valuta estera; Oro; Azioni; Numismatica".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: