le notizie che fanno testo, dal 2010

Banca dati viaggiatori Schengen, Alfano: obbligare vettori a comunicare dati PNR

Angelino Alfano insiste sulla necessità del Passenger Name Record (PNR), cioè un sistema basato sull'adozione di un codice di prenotazione che permetterà di creare un banca dati delle liste dei passeggeri dei voli in transito nell'area Schengen, spiegando che è allo studio una direttiva per stabilire una "procedura per obbligare i vettori a comunicare i dati PNR".

Angelino Alfano insiste sulla necessità del Passenger Name Record (PNR), cioè un sistema basato sull'adozione di un codice di prenotazione che permetterà di creare un banca dati delle liste dei passeggeri dei voli in transito nell'area Schengen o in arrivo dai Paesi terzi, che sarà messa a disposizione degli organismi di polizia. Il ministro dell'Interno aveva già auspicato il monitoraggio dei viaggiatori nel corso del'informativa alla Camera del 9 settembre in merito al pericolo dello Stato islamico, ed oggi lo ripropone durante una audizione al Comitato Schengen. "L'Italia ritiene che il PNR sia uno strumento di notevole efficacia e per questo il suo utilizzo a fine investigativi è stato inserito nel programma del semestre europeo" sottolinea Alfano, precisando che "l'obiettivo è una più stretta collaborazione giudiziaria e di polizia per il controllo degli spostamenti sul territorio in tutta l’Unione europea". Il ministro dell'Interno ha quindi affermato che è allo studio una direttiva per stabilire una "procedura per obbligare i vettori a comunicare i dati PNR dei propri passeggeri per i reati per cui esiste mandato di arresto europeo e di terrorismo". In merito alle possibili violazioni sulla privacy di questa banca dati dei viaggiatori, Angelino Alfano chiosa: "La disputa di due valori, quello della sicurezza e quello della privacy è conflitto tipico di questo tempo. - concludendo - In passato c'è stata una tutela accentuata per il valore della privacy. In questo momento noi, come ministri dell’Interno e come presidenza italiana, abbiamo fatto un forte appello al Parlamento europeo per valutare molto bene il tema della sicurezza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: