le notizie che fanno testo, dal 2010

Merkel: Germania non può accogliere tutti. Bambina scoppia in lacrime, e non era nemmeno greca

Angela Merkel afferma che la Germania non può accogliere tutti perché "la politica a volte deve essere dura". Ad ascoltare questo discorso parte non è Alexis Tsipras ma una bambina, che non era nemmeno greca. La bambina scoppia in lacrime poiché non capisce perché deve tornare in Palestina, in un territorio devastato da un conflitto interminabile.

"Non possiamo accogliere tutti, la politica a volte deve essere dura" afferma risoluta Angela Merkel. Il diktat della cancelliera tedesca non arriva però a margine di una riunione dell'Eurogruppo e ad ascoltare questo discorso non è Alexis Tsipras ma una bambina, che non era nemmeno greca. Durante un incontro tra la cancelliera e gli studenti della scuola Paul-Friedrich-Scheel a Rostock Angela Merkel si avvicina infatti ad una bambina che da quattro anni vive in Germania ma che presto dovrà tornare in Palestina. Alla cancelliera tedesca non sembra interessante il fatto che quel territorio è ormai da decenni devastato da un conflitto interminabile, e spiega solo alla bambina che "la politica a volte deve essere dura" e che quindi "non può accogliere tutti". Magra consolazione per la giovanissima che di fronte alla cancelliera scoppia in lacrime. La Merkel non si è fatta però intenerire dai singhiozzi di una bimba che chiedeva solo di poter studiare in Germania con i suoi coetani tanto che, dopo aver spiegato che "in Libano ci sono migliaia di persone nei campi profughi" e che "la Germania non può dire a tutti di venire", assicura: "Quel che posso promettere è che in futuro le procedure per valutare le richieste d'asilo saranno più celeri". Come a dire, i prossimi bambini non avranno il tempo di affezionarsi ad amici tedeschi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: