le notizie che fanno testo, dal 2010

Strage Berlino: approvare legge contrasto radicalizzazione, dice Manciulli (PD)

Andrea Manciulli del PD commenta l'uccisione di Anis Amri, autore della strage di Berlino.

"Quanto avvenuto questa notte a Sesto San Giovanni non è un caso. E' il frutto della professionalità - riferisce in un comunicato Andrea Manciulli, deputato del Partito Democratico -, del coraggio, della dedizione e dell'efficace coordinamento operativo dei nostri apparati di sicurezza. E' la conferma che il dispositivo predisposto a tutela del nostro territorio funziona ed agisce avendo come priorità la sicurezza della popolazione. A tutti gli uomini e le donne che stanno vigilando sulla sicurezza del Paese va il nostro più sincero sentimento di gratitudine".

"La dinamica dei tragici fatti di Berlino ci dice quanto sia sempre più necessaria la collaborazione fra gli apparati di intelligence e di sicurezza dei Paesi europei. Ma la vicenda di Anis Amri, radicalizzatosi in carcere, obbliga tutti ad una ulteriore riflessione che, dopo l'iniziativa presa dalla presidenza del Consiglio, deve darci come obiettivo l'approvazione rapida della legge che abbiamo presentato alla Camera insieme a D'Ambruoso sul contrasto alla radicalizzazione, perché il tema del proselitismo nelle carceri, nelle scuole e nei luoghi di lavoro non può essere questione secondaria. - sottolinea - Ha ragione il ministro degli Interni Minniti, che in questi anni ha svolto un ruolo importante, a dirsi orgoglioso delle nostre forze di sicurezza, sapendo che in questo campo non bisogna e non si può sottovalutare nulla."

© riproduzione riservata | online: | update: 23/12/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Strage Berlino: approvare legge contrasto radicalizzazione, dice Manciulli (PD)
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI