le notizie che fanno testo, dal 2010

Frattini: indegno il rapporto di Amnesty International

Amnesty International presenta il rapporto 2010 sull'immigrazione, evidenziando una politica indiscriminata di sgomberi e la gravità del reato di clandestinità. Il Ministro Frattini lo respinge al mittente.

Amnesty International presenta il rapporto 2010 che prende in esame l'immigrazione e la situazione dei diritti umani nel mondo. Il dossier critica degli operati messi in atto dall'Italia, che in alcune circostanze "hanno messo a repentaglio i diritti di migranti e richiedenti asilo" e le loro vite, lasciandoli in balia del mare "senza acqua e cibo".
Il Ministro degli Esteri Franco Frattini risponde dicendo che i dati del ministero sono molto chiari e che il rapporto di Amnesty sarebbe indegno, e per questo lo respinge al mittente. Frattini ammette che "Amnesty ha fatto sempre la sua parte" ma il dossier è indegno perché andrebbe a colpire le forze di polizia che hanno salvato molte persone.
Giusy D'Alonzo spiega che in Italia esiste una "politica indiscriminata di sgomberi. E' in vigore il reato di clandestinità che allontana l'immigrato dalle istituzioni e c'è una politica di respingimenti come quella con la Libia che non tiene conto della questione dei diritti umani". Ma soprattutto, sottolinea Giusy D'Alonzo, "manca il riconoscimento del reato di tortura nel codice penale: in Italia questo crimine non ha un nome e non viene punito".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: