le notizie che fanno testo, dal 2010

Amazzonia: Sydney Possuelo in difesa dei Popoli indigeni isolati

Amazzonia, ultima frontiera. E ultima speranza. Una lettera di Sydney Possuelo pubblicata dai Verdi svela la condizione disumana dei popoli indigeni isolati, braccati dalla civiltà: "Mi sono reso conto che continuiamo a considerare l'Amazzonia e gli indios come un ostacolo alle strategie di sviluppo".

Sydney Possuelo è la principale autorità in Brasile sui popoli indigeni che ancora vivono isolati nell'Amazzonia. E' un etnografo, un esploratore ed un attivista che si batte per il diritto "all'oblio" di questi popoli che hanno il diritto di rimanere isolati (o quantomeno indisturbati) in un ambiente intatto. Sul sito dei Verdi si trova una lettera aperta di Sydney Possuelo che non si può ignorare (http://is.gd/7crtbJ) perché è in gioco il presente (non più il futuro) dei popoli indigeni isolati dell'Amazzonia. Scrive Possuelo: "Ho lavorato per più di quattro decenni, nella foresta amazzonica. Cinque anni fa, ho convocato il primo incontro internazionale in difesa dei popoli indigeni in isolamento. Ci siamo incontrati a Belem del Pará e lì ho proposto la creazione di un'Alleanza Internazionale per la loro protezione. Lo dico senza angoscia, ma chiaramente, abbiamo fatto pochi progressi in proposito. Sento che l'urgenza di allora, si è trasformata oggigiorno in una minaccia reale: i popoli isolati e i loro territori sono a rischio come non mai. Negli ultimi cinque anni ho visto l'interesse nel far uscire dalla loro terra gli indigeni isolati, permettendone così l'invasione da parte delle compagnie petrolifere o minerarie, ho visto come si firmano decreti e concessioni per lo sfruttamento delle risorse naturali in aree abitate da questi esseri umani; ho visto indigeni uccisi o perseguitati per difendere i propri diritti. Mi sono reso conto che continuiamo a considerare l'Amazzonia e gli indios come un ostacolo alle strategie di sviluppo, come sancisce l'Iniziativa di Integrazione dell'infrastruttura Regionale Sudamericana. Dighe, strade, ponti sono stati costruiti in Amazzonia, senza proporre misure che tutelino effettivamente i diritti di questi popoli, e se questi atteggiamenti persistono, il destino degli indios in isolamento è segnato e spariranno". Tutta la lettera di Sydney Possuelo è disponibile sulla pagina del sito dei Verdi (http://is.gd/7crtbJ).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: