le notizie che fanno testo, dal 2010

Meredith Kercher: su coltello e gancio reggiseno forse contaminazioni

Le conclusioni finali dei consulenti della Corte d'Appello d'Assise di Perugia, che si sta occupando dell'omicidio di Meredith Kercher, rischiano di "attenuare" le accuse nei riguardi di Amanda Knox e Raffaele Sollecito.

Le conclusioni finali dei consulenti della Corte d'Appello d'Assise di Perugia, che si sta occupando dell'omicidio di Meredith Kercher, rischiano di "attenuare" le accuse nei riguardi di Amanda Knox e Raffaele Sollecito, già condannati in primo grado rispettivamente a 26 e 25 anni per l'accusa di aver ucciso la giovane studentessa inglese. Se infatti i periti della Corte concordano con le analisi precedenti riguardo le tracce di DNA riscontrate sul manico del coltello che viene indicato come l'arma del delitto di Meredith Kercher, al contrario scrivono che "non sono attendibili gli accertamenti compiuti sulla lama del coltello e non sono attendibili gli accertamenti compiuti sul gancetto del reggiseno". In precedenza infatti la scientifica aveva evidenziato che sulla lama del coltello erano state trovate tracce di DNA di Meredith Kercher mentre sul gancetto del reggiseno della studentessa inglese si troverebbe quello di Raffaele Sollecito. I legali di Amanda Knox si ritengono naturalmente "soddisfatti del risultato", anche se l'avvocato Luciano Ghirga sottolinea naturalmente che "tali conclusioni vanno verificate all'udienza di luglio". I periti della Corte d'Assise di Perugia, spiegano inoltre come "i (precedenti, ndr) risultati ottenuti possano derivare da fenomeni di contaminazione ambientale e/o di contaminazione verificatasi in una qualunque fase della repertazione e/o manipolazione", sottolineando che gli accertamenti tecnici non sarebbero "attendibili" perché non sussisterebbero "elementi scientificamente probanti la presenza di presunte cellule di sfaldamento sul reperto". Nella perizia dei consulenti della Corte si leggerebbe anche che non sarebbero "state seguite le procedure internazionali di sopralluogo e di protocollo internazionali di raccolta e campionamento del reperto". Stupiti di una così sicura valutazione rimangono naturalmente i legali della famiglia di Meredith Kercher, che rimandano ogni chiarimento "davanti alla corte d'Assise d'Appello" ma ricordando anche come ci siano "ben altre prove che dimostrano la colpevolezza dei due imputati".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: