le notizie che fanno testo, dal 2010

Amanda Knox: film trasmesso ma scena omicidio Kercher tagliata

Il film su Amanda Knox, nonostante la contrarietà dei legali degli imputati condannati in primo grado per l'omicidio di Meredith Kercher, è stato infine trasmesso sul canale tv via cavo LifeTime. La scena del trailer che mostrava la sequenza dell'omicidio, però, è stata tagliata.

"Chiederemo un maxi risarcimento alla casa di produzione cinematografica statunitense LifeTime nel caso andasse in onda il film 'Amanda Knox, Murder on Trial in Italy' " afferma il legale di Raffaele Sollecito, condannato in primo grado per l'omicidio di Meredith Kercher, avvenuto nella notte del 1 novembre 2007 a Perugia, a 25 anni di reclusione, insieme ad Amanda Knox (26 anni) e all'ivoriano Rudy Guede (16 anni). Ma il film "Amanda Knox, Murder on Trial in Italy" è stato infine trasmesso dalla via cavo americana Lifetime, nonostante in precedenza anche gli avvocati della Knox e della famiglia Kercher avevano sottolineato che avrebbero chiesto un risarcimento, visto che il processo è ancora in corso e si attende l'appello.
A fare scalpore, in particolar modo, la scena che rappresenta l'omicidio della giovane studentessa Meredith Kercher, bloccata a terra, mentre si dimena e urla, dai tre imputati. Ma a La Repubblica (intervista al link - http://tinyurl.com/632ccbm) il regista del film spiega che in realtà questa sequenza non sarebbe dovuta diventare il trailer di "Amanda Knox, Murder on Trial in Italy". Il regista Robert Dornhelm spiega di essere stato "irritato" dal fatto che LifeTime abbia incentrato il trailer su tale morbosità, visto che al contrario il suo intento era quello di raccontare "la storia di due madri che perdono le figlie". "Mostrare Amanda che impugna un coltello equivale a una condanna senza appello - spiega il regista - Io avevo girato quella scena per illustrare la teoria dell'accusa, con la chiara intenzione di mettere in dubbio la realtà". La scena dell'omicidio, comunque, è stata infine tagliata e non trasmessa per volere della stessa casa produttrice.
"Fin dall'inizio questa storia ha diviso l'opinione pubblica fra colpevolisti e innocentisti" afferma Dornhelm che però assicura che nella sceneggiatura del film su Amanda Knox, interpretata da Hayden Panettiere, non sono stati inseriti "elementi che confliggessero con il processo tuttora in corso". Insomma, il regista sembra nutrire dei dubbi sulla colpevolezza di Amanda Knox ma è convinto di aver fatto comunque un "lavoro sensibile" e che se l'attenzione mediatica non si fosse concentrata sul trailer si sarebbe capito che l'intento del film era quello di sollevare "domande e far discutere".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: