le notizie che fanno testo, dal 2010

Uil: Alitalia valuti piano Etihad, sviluppo porta occupazione non esuberi

Riprende oggi il confronto tra sindacati ed Alitalia in merito al nuovo piano industriale targato Etihad, che prevede almeno 2250 esuberi strutturali. La Uil Trasporti "chiede con forza ad Alitalia di esaminare approfonditamente il Piano Industriale dal quale genererebbero gli esuberi", sottolineando che lo sviluppo della compagnia dovrebbe prevedere anche "una ripresa dell'occupazione".

Riprende oggi il confronto tra sindacati ed Alitalia in merito al nuovo piano industriale targato Etihad, che prevede almeno 2250 esuberi strutturali, unità suddivise in circa 130 piloti, 250 assistenti di volo e 1870 personale di terra. L'investimento complessivo di Etihad in Alitalia ammenterebbe in 1.25 miliardi di euro, ma Uil Trasporti prima di parlare di numeri vuole vedere lo sviluppo che il piano industriale porterà ad Alitalia. La Uil sottolinea infatti che "un progetto di investimenti e di rilancio debba necessariamente prevedere una ripresa dell'occupazione, anche in presenza di eventuali eccedenze momentanee di organico dovute alla ristrutturazione, ed in tal senso, quindi, l'utilizzo, laddove necessario, di strumenti a carattere non espulsivo in tutte quelle aree del ciclo produttivo previste in espansione". Per questo motivo, il sindacato guidato da Luigi Angeletti "chiede con forza ad Alitalia di esaminare approfonditamente il Piano Industriale dal quale genererebbero gli esuberi". La Uil si dice inoltre convinta che "esistano alternative concrete alla paventata mobilità, da ricercarsi in progetti di partnership e collaborazione, in molte aree produttive, con soggetti industriali del comparto".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: