le notizie che fanno testo, dal 2010

Delitto di Garlasco, processo bis: pg chiede 30 anni per Alberto Stasi

E' attesa per il 17 dicembre la sentenza del processo d'appello bis sul delitto di Garlasco. Il sostituto procuratore generale Laura Barbaini ha chiesto trent'anni di carcere, con l'aggravante della crudeltà, per Alberto Stasi, unico imputato per l'omicidio dell'allora sua fidanzata Chiara Poggi.

Si è ormai alle battute finali del processo d'appello bis sul delitto di Garlasco. Il sostituto procuratore generale Laura Barbaini ha chiesto trent'anni di carcere, con l'aggravante della crudeltà, per Alberto Stasi, unico imputato per l'omicidio dell'allora sua fidanzata Chiara Poggi. La stessa richiesta di condanna nei confronti dell'ex studente bocconiano era stata chiesta anche nei processi di primo e secondo grado, che si erano entrambi conclusi con una assoluzione. Poi la Cassazione ha annullato il verdetto di secondo grado e rinviato gli atti affinché fossero compiuti alcuni "accertamenti". Per il sostituto procuratore generale, inoltre, Alberto Stasi avrebbe "sistematicamente" cercato di ostacolare le indagini con omissioni che sono andate al di là del diritto di difesa. Tutto il processo d'appello bis si basa, in particolare, sulla bicicletta della famiglia Stasi che non era stata sequestrata all'epoca delle indagini e sulla "camminata sperimentale" estesa ai gradini delle scale della villetta di Garlasco su cui è stato trovato il corpo di Chiara Poggi. La sentenza è prevista per il prossimo 17 dicembre.

© riproduzione riservata | online: | update: 24/11/2014

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Delitto di Garlasco, processo bis: pg chiede 30 anni per Alberto Stasi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI