le notizie che fanno testo, dal 2010

Alberto Stasi: assolto da accusa detenzione materiale pedopornografico

Il difensore di Alberto Stasi ha spiegato ai giudici della Cassazione che il ragazzo non aveva "il software necessario per scaricare quei file" che lo avevano fatto accusare di detenzione di materiale pedopornografico. La Cassazione assolve quindi Stasi perché "il fatto non sussiste".

Alberto Stasi è stato assolto dall'accusa di detenzione di materiale pedopornografico. La Cassazione ha infatti assolto Alberto Stasi perché "il fatto non sussiste", dopo che invece il tribunale di primo grado lo aveva condannato a 30 giorni di reclusione e la corte d'appello aveva commutato la pena in una multa. La Cassazione ha invece accolto la tesi del difensore di Alberto Stasi che ha spiegato ai giudici come il pc del ragazzo non aveva "il software necessario per scaricare quei file". "Manca la prova che Stasi li abbia scaricati e manca dunque l'elemento costitutivo del reato che si perfeziona solo quando sia completata la visibilità del materiale pedopornografico" ha spiegato il difensore davanti ai giudici di Cassazione, ricordando come anche la perizia "non ha accertato lo scaricamento". Il legale di Alberto Stasi ha quindi sottolineato come queste immagini, non essendo state scaricate e quindi visionate, non possono essere "in alcun modo il movente" per spiegare l'omicidio di Chiara Chiara. Alberto Stasi, infatti, dovrà tornare davanti ai giudici d'Appello per il delitto di Garlasco, dove è unico imputato per l'uccisione della fidanzata Chiara Poggi, a seguito della sentenza della Cassazione. Alberto Stati era stato invece assolto per l'omicidio sia in primo che secondo grado.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: