le notizie che fanno testo, dal 2010

Al-Qaeda, al-Zawahri esorta: bisogna "far sanguinare" l'economia USA

In occasione del 12esimo anniversario dell'11 Settembre, il capo di Al-Qaida, Ayman al-Zawahri, ha esortato i musulmani a continuare ad "attaccare gli americani sul loro territorio", al fine di "far sanguinare l'economia" degli Stati Uniti. Esperti di Al-Qaeda, però, sottolineano che all'attuale capo di Al-Qaida "manca il carisma di Osama Bin Laden".

In occasione del 12esimo anniversario dell'11 Settembre, il capo di Al-Qaida, Ayman al-Zawahri, ha esortato i musulmani a continuare ad "attaccare gli americani sul loro territorio", al fine di "far sanguinare l'economia" degli Stati Uniti. Al- Zawahri ha infatti diffuso un messagio audio via web, subito rimbalzato sui blog jihadisti e sui siti internet "simpatizzanti" di Al-Qaeda, dove spiega che "per tenere aperta l'emorragia causata dalle spese militari e per la sicurezza dell'America, è necessario mantenere gli USA in un costante stato di allerta su dove e quando arriverà il prossimo attacco - aggiungendo - Far rimanere l'America in guardia richiede solamente attacchi sparpagliati di qua e di là". Il capo di Al-Qaeda non sembra quindi interessato a colpire una città o un luogo preciso degli Stati Uniti, accontentandosi di vedere qualche "lupo solitario" agire in libertà, anche se in realtà non pare disdegnare un attacco in stile 11 Settembre, considerato da al-Zawahri una punizione per "la guerra continua degli USA contro l'Islam ed i musulmani". Nell'audio messaggio, inoltre, si invitano i musulmani a rapire gli occidentali per affettuare scambi con i prigionieri musulmani detenuti in occidente.

Nonostante tali minacce, John Miller, corrispondente anziano della CBS News che in passato ha lavorato nell' FBI e per l'Office of the Director of National Intelligence ed ha incontrato al-Zawahri in Afghanistan, sottolinea però che all'attuale capo di Al-Qaida "manca il carisma di Osama Bin Laden", poiché in realtà "il suo messaggio non ha avuto l'eco che ricercava". John Miller, infatti, fa notare inoltre come al-Zawahri nel corso del suo audiomessaggio abbia persino divagato sulla situazione in Medio Oriente, criticando per esempio la forza militare egiziana per aver rovesciato Mohammed Morsi ma incolpando in realtà i Fratelli Musulmani, perché non sarebbero riusciti "a governare in conformità alla sharia islamica".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: