le notizie che fanno testo, dal 2010

Napoli: scontri davanti Equitalia. Protesta per i troppi suicidi

A Napoli un centinaio di manifestanti chiedevano ad Equitalia a Corso Meridionale di abbassare le saracinesche "in segno di lutto" per i troppi suicidi avvenuti nel napoletano. Scontri e disordini con la polizia.

"Quando la creazione e la moltiplicazione dei bisogni fanno aumentare la possibilità illimitata di fruizione e di consumo, la mancanza dei mezzi necessari per il loro accaparramento causa sentimenti di frustrazione. E quando la miseria coesiste con la grande ricchezza, nasce un'impressione di ingiustizia che può diventare fonte di rivolta" aveva avvertito pochi giorni fa Papa Benedetto XVI (http://is.gd/lvmc01), invitando quindi gli Stati a garantire il fatto che "le leggi sociali non aumentino le disuguaglianze e permettano alle popolazioni di vivere in maniera dignitosa".
Il messaggio fa comprendere quanto il Papa sia attento ai mutamenti sociali, incalzati dalla crisi economica, e allo stesso tempo evidenzia invece la grande, troppa, distanza tra la politica e gli italiani, ormai esasperati nel sentirsi "il salvadanaio" di uno Stato che, come un'azienda, pretende perlomeno il pareggio di bilancio, e cioè non potrà spendere più di quanto chiede (in tasse) al cittadino.
Accade quindi, sempre più spesso, che se da una parte la disperazione prende il sopravvento, causando in queste ultime settimane purtroppo decine di suicidi o tentati suicidi, dall'altra la rabbia si trasforma in "rivolta", come avvenuto oggi a Napoli.
Davanti alla sede di Equitalia a Corso Meridionale, infatti, un centinaio di manifestati questa mattina ha cominciato a lanciare uova e vernice rossa contro la sede adibita alla riscossione dei debiti da parte dell'Agenzia delle Entrate. Poco dopo sono iniziati i disordini, secondo i manifestati originati dalla decisione dei dipendenti di non voler chiudere gli uffici "in segno di lutto per le vittime di Equitalia" come spiegherebbe un volantino distribuito da chi protestava. Davanti alla sede di Equitalia a Corso Meridionale, quindi, sono intervenuti quattro blindati della polizia, e un elicottero, e a quanto pare gli agenti avrebbero risposto con un lancio di lacrimogeni, tanto che un manifestante sarebbe rimasto ferito. Pare che contro le camionette della polizia ci sia stato anche un lancio di pietre.
Poco dopo le saracinesce di Equitalia sono state comunque abbassate, anche se non, come avrebbero desiderato i manifestanti, per i troppi suicidi avvenuti nel napoletano in questi ultimi giorni dopo la consegna di alcune cartelle esattoriali.
Ma la tensione sale in tutta Italia, visto che due ispettori di Equitalia sembra che siano stati aggrediti nel milanese. Il fatto sarebbe avvenuto a Melegnano, in uno studio commercialista, da parte di un imprenditore edile che ad un certo punto avrebbe preso a calci uno dei due ispettori.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: