le notizie che fanno testo, dal 2010

Luigi Martinelli rimane in carcere: debiti canone Rai per 1.400 euro

Non avrebbe debiti per 44mila euro Luigi Martinelli, arrestato dopo il "blitz" all'Agenzia delle Entrate, ma di soli 1.400 euro per canone Rai arretrato dal 2001. Il gip convalida quindi l'arresto.

Sembra che Luigi Martinelli, l'uomo che ha assaltato l'agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia, nella provicia di Bergamo (http://is.gd/0zBvv1), avesse non un debito di 44mila euro, come lui stesso avrebbe dichiarato, forse travisando un colloquio avvenuto in Equitalia, ma di 1.400 euro, poiché dal 2001 non pagava il canone Rai perchè sarebbe una "tassa che non sopporta".
Il Giudice per le indagini preliminari ha quindi convalidato l'arresto per Luigi Martinelli perché si sarebbe infatti creata unna sproporzione tra le motivazioni del gesto e la gravità del gesto compiuto. L'uomo dovrà ora rispondere di sequestro di persona, minacce, porto abusivo d'arma da fuoco e spari in luogo pubblico, anche se il suo legale spiega che in realtà Martinelli aveva solo intenzione di occupare gli uffici dell'Agenzia delle Entrate, ma che poi il "blitz" gli sarebbe sfuggito di mano.
Il legale di Luigi Martinelli aveva infatti chiesto la scarcerazione e la concessione degli arresti domiciliari a casa del fratello. Dopo una perquisizione i carabinieri hanno inoltre trovato a casa dell'uomo un vero e proprio arsenale, composto da "cinque carabine, due fucili, due pistole, seicento munizioni e oltre un chilo e mezzo di polvere da sparo", senza contare il fucile a pompa e le due pistole che Martinelli aveva portato con sé all'Agenzia delle Entrate, da cui è uscito ammanettato dopo aver tenuto per 6 ore in ostaggio un dipendente dell'ufficio. In realtà l'armamentario sarebbe detenuto legalmente, anche se niente non poteva essere portato all'esterno visto che la licenza di caccia di Martinelli era scaduta.
Sembra che l'offerta della Lega Nord di pagare un avvocato A Luigi Martinelli, dopo una visita in carcere di Giacomo Stucchi e Roberto Calderoli, sia stata rifiutata dalla famiglia dell'uomo, che conferma la fiducia nell'attuale difensore Stefano Paganelli, che sottolinea: "Sia io che i magistrati avremmo gradito essere almeno avvisati della visita".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: