le notizie che fanno testo, dal 2010

Catricalà: nessuna pietà verso gli evasori. Befera: serve sano terrore

Antonio Catricalà sembra essere sulla stessa linea di Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle Entrate, sulla lotta all'evasione fiscale, che deve incutere un "sano timore" anche perché chi evade è alla stregua di un "traditore della Patria".

Se sia mai possibile che il "terrore" possa essere anche "sano", e cosa si intenda poi con tale aggettivo, non è probabilmente chiaro a diversi italiani, alcuni dei quali cominciano a preoccuparsi di dover vivere nel prossimo futuro in uno Stato di polizia tributaria, e sotto la lente d'ingrandimento di un Fisco che pare sempre in credito e mai in debito verso i cittadini. "Con il nuovo redditometro potremo colpire controllando con precisione la spesa. Faremo controlli a tappeto e in più daremo un software che permetterà di far capire agli interessati quando sono a rischio" spiega nel corso de 'La Telefonata' di Maurizio Belpietro su Canale 5 il direttore dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera, sottolineando come sia "necessario incutere un sano timore in chi evade il fisco e operazioni come quelle svolte a Cortina d'Ampezzo sono un deterrente per far sapere che l'Agenzia lavora per scoraggiare gli evasori". La lotta all'evasione fiscale, potrebbe quindi ironizzare qualcuno, passerà per "Mari o Monti" indifferentemente, visto che anche Antonio Catricalà, intervistato a Porta a Porta, afferma risoluto: "Nessuna pietà verso gli evasori, spareremo ad alzo zero". Per Catricalà, infatti, "chi evade le tasse non solo ruba anche agli altri italiani ma chi evade in un momento come questo tradisce la Patria". Sarà forse per non sentirsi in imbarazzo, scherzerà forse qualcun altro, che gli evasori depositano spesso i loro guadagni all'estero, anche se riguardo ad un possibile concordato con la Svizzera il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio precisa che "se serve farlo lo faremo ma non vogliamo dare l'idea che questo governo fa condoni". Perché forse il "sano terrore" è meglio incuterlo solo in casa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: