le notizie che fanno testo, dal 2010

Regolamento Agcom diritto autore web: "moratoria in attesa sentenza Tar"

Il Regolamento per la tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica (web) adottato dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) è entrato in vigore il 31 marzo 2014. MDC, Altroconsumo, Assintel e Assoprovider-Confcommercio fanno ricorso al Tar del Lazio e, in attesa della sentenza prevista per il 25 giugno chiedono all'Agcom una moratoria nell'applicazione del Regolamento.

Il Regolamento per la tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica (il web) adottato dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) è entrato in vigore il 31 Marzo 2014. In attesa della sentenza del Tar del Lazio sul ricorso presentato dalla ANSO (Associazione Nazionale Stampa Online), dalla FEMI, (Federazione Media digitali indipendenti) e dall'Open Media Coalition, prosegue anche la battaglia di MDC, Altroconsumo, Assintel e Assoprovider-Confcommercio per denunciare le violazioni dei diritti dei cittadini e delle imprese contenute nel nuovo Regolamento Agcom sul diritto d'autore. In una nota stampa, le associazioni ribadiscono infatti che "l’entrata in vigore del Regolamento comporta la possibilità per gli utenti della rete di vedersi cancellati i propri siti internet, i blog, i forum senza neppure avere adeguata conoscenza di una procedura amministrativa di tipo sanzionatorio a loro carico essendo prevista solo una comunicazione a mezzo mail semplice neppure certificata". Anche queste associazioni si sono rivolte al Tar del Lazio, muovendo tali contestazioni nel corso della prima udienza del 9 aprile. Il Tar, ritenendo la questione di particolare delicatezza e rilevanza, ha fissato l'udienza per la decisione al 25 giugno 2014. Soddisfazione per la sensibilità dimostrata dai giudici amministrativi è stata espressa dal Vicepresidente Nazionale MDC Francesco Luongo, da Marco Pierani Responsabile affari istituzionali di Altroconsumo e da Dino Bortolotto Presidente Assoprovider-Confcommercio, i quali "chiedono con forza all'Agcom una moratoria nell'applicazione del Regolamento all'esame del Tar almeno fino alla sentenza di primo grado, per evitare che eventuali provvedimenti vengano assunti in base ad una norma che potrebbe essere dichiarata illegittima in tutto o in parte". Le associazioni stanno inoltre "procedendo ad interessare anche gli organismi competenti dell'Unione Europea di quanto sta accadendo ed accadrà in Italia alla luce dell'entrata in vigore del Regolamento e sui riflessi che questo avrà sulla vita dei cittadini e delle imprese su internet".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: