le notizie che fanno testo, dal 2010

Afghanistan: i "tragici errori" di una guerra

In Afghanistan la situazione continua a peggiorare, nonostante l'obiettivo delle "missioni di pace" sembrava essere quello di ristabilire la sicurezza nel territorio. Tra attentati kamikaze e "tragici errori" del contingente NATO.

In Afghanistan la situazione continua a peggiorare, nonostante l'obiettivo delle "missioni di pace" sembrava essere quello di ristabilire la sicurezza nel territorio. In quest'ultimo periodo vi è stata, invece, una escalation di attentati, tanto che un ennesimo militare italiano è rimasto ucciso. Il ministro degli Esteri Franco Frattini afferma che "ce ne andremo ovviamente anche dall'Afghanistan, ma non alla spicciolata, facendoci dettare l'agenda del ritiro dai terroristi", e intanto nel Paese si continua a seminare morte. Un commando kamikaze il 28 luglio ha sferrato un attacco contro edifici governativi a Tirin Kot, capoluogo dell'Uruzgan, nel sud dell'Afghanistan, uccidendo 21 persone, tra cui un giornalista locale della BBC, e ferendone almeno 38. L'assalto sarebbe stato preceduto dallo scoppio di tre autobombe, e nella confusione iniziale i 6 kamikaze sarebbero entrati in azione, ingaggiando anche scontri a fuoco con la polizia locale. La tensione che sembra crescere giornalmente in Afghanistan rischia di provocare inoltre anche "tragici errori", come l'uccisione di una donna incinta, un bambino e un altro civile da parte del contingente francese della NATO è stato giudicato falle forze dell'Alleanza.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: