le notizie che fanno testo, dal 2010

Adriano: al Corinthians per entrare nel cuore della "torcida"

Adriano ha deciso, andrà al Corinthians. L'attaccante brasiliano dà l'addio ufficiale alla Roma affidando il suo futuro calcistico alla sua terra. "Vado al Corinthians per segnare tanti gol, e non per creare problemi" precisa l'ormai ex Imperatore di Roma.

Adriano ha deciso, andrà al Corinthians. L'attaccante brasiliano dà l'addio ufficiale alla Roma affidando il suo futuro calcistico alla sua terra. "Vado al Corinthians per segnare tanti gol, e non per creare problemi", ha subito precisato l'Imperatore, in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano brasiliano "Folha de Sao Paulo". L'infortunio alla spalla lo costringerà fuori dai campi per almeno un mese e mezzo, ma Adriano già sogna il momento in cui entrerà nella "torcida", così come gliel'ha raccontata il suo amico Ronaldo che ha giocato con il Corinthians fino a poco tempo fa. "Ronaldo mi ha parlato della tifoseria del Corinthians e dell'affetto che aveva per lui e allora ho deciso che anch'io dovevo far parte di questa famiglia. Non vedo l'ora di entrare nel cuore di questa 'torcida'".
Adriano però non ha mai nascosto il suo amore per il Flamengo, al quale è stato molto vicino per un trasferimento, andato a monte per alcune clausole sul contratto che al procuratore non sono piaciute. "Ci sono rimasto male - ammette Adriano - ma devo vivere la mia vita. Avrebbero potuto parlare direttamente con me, per chiedermi cosa volevo fare ma purtroppo non è stato possibile, ed ora spero di essere felice nel Corinthians". Allo stesso modo però si è comportato il Corinthians, con un contratto che prevede la possibilità di multe e perfino la rescissione in caso di comportamenti sbagliati da parte del giocatore. Adriano però appare tranquillo, facendo sapere che "questo non mi dà alcun fastidio, perché molte persone sono male informate su ciò che mi succede. Io sono andato via dalla Roma senza provocare alcun 'casino', sia chiaro. Semplicemente, ho capito che non avevo motivo di rimanere: mi sono fatto male tre volte, e quindi non c'era modo di giocare con continuità. Ho capito che era un segnale: era arrivato il momento di tornare in Brasile. Sono sempre riuscito a riprendermi - conclude l'Imperatore - ed ora non mi muoverò più dal mio Paese. Nel Corinthians vorrei rimanere fino al 2014, l'anno dei Mondiali".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Adriano# amore# Brasile# cuore# famiglia# Mondiali# multe# Paese# Roma# Ronaldo