le notizie che fanno testo, dal 2010

Appalti: Governo depotenzia ANAC senza informare Parlamento

Il Consiglio dei Ministri cancella il comma 2 dell'articolo 211 del Codice degli Appalti che dava all'autorità anticorruzione guidata da Raffaele Cantone la facoltà di intervenire direttamente prima della magistratura in casi di gravi irregolarità nei contratti. La critica di Marco Filippi, senatore del PD.

"Se le indiscrezioni apparse su alcuni organi di stampa fossero confermate, la cancellazione dei poteri di intervento dell'ANAC in caso di evidente vizio di legittimità in un appalto già concluso, senza attendere eventuali (e più lenti) interventi dell'autorità giudiziaria, sarebbe un errore sotto molti punti di vista" rende noto il senatore del Partito Democratico Marco Filippi.

L'ultimo Consiglio dei Ministri avrebbe infatti cancellato il comma 2 dell'articolo 211 del Codice degli Appalti che dava all'autorità anticorruzione guidata da Raffaele Cantone la facoltà di intervenire direttamente prima della magistratura in casi di gravi irregolarità nei contratti.

Filippi precisa quindi che così "si toglie dal codice degli appalti uno strumento che poteva evitare lunghi periodi di sospensione dell'avvio di un appalto in caso di illegittimità rilevate nella procedura da parte dell'ANAC, consentendo invece alle diverse amministrazioni di porvi rimedio in autotutela".

Il parlamentare precisa quindi che questa correzione del governo "non va a vantaggio di nessuna delle parti coinvolte in una procedura d'appalto, perché le illegittimità rimarranno nell'atto e saranno comunque elemento di contenzioso futuro, riallungando i tempi di realizzazione delle opere".

Infine, il capogruppo in Commissione Trasporti e lavori pubblici a Palazzo Madama osserva che quella apportata dal CdM è "una modifica che non è stata sottoposta al vaglio del Parlamento ma sarebbe apparsa misteriosamente direttamente nell'ultima stesura del testo prima del Consiglio dei Ministri del 13 aprile scorso, e forse approvata senza che tutti i partecipanti si rendessero bene conto dell'errore che si rischia di commettere. Si colpisce così un potere di verifica e controllo del Parlamento proprio su una legge così delicata e sui temi dell'anticorruzione, che a tutti sono molto a cuore in questa fase della nostra vita politica."

"Ci auguriamo che il governo sia d'accordo con questi rilievi e provveda a ripristinare il comma tagliato con un apposito decreto legge" riferisce in conclusione l'esponente dem.

© riproduzione riservata | online: | update: 20/04/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Appalti: Governo depotenzia ANAC senza informare Parlamento
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI