le notizie che fanno testo, dal 2010

Ostelli della gioventù in crisi: Giubileo occasione da non perdere

Associazione Italiana Alberghi per a Gioventù è in crisi, tanto che i sindacati Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL hanno proclamato uno stato di agitazione per protestare contro le retribuzioni arretrate degli ultimi sette mesi dei 118 addetti dei 69 Ostelli dell'Aig. Ma alle porte c'è il Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco, tanto che la Regione Lazio e il Comune di Roma stanno infatti già lavorando alla creazione di un ostello della gioventù nella Capitale.

"La crisi dell'Associazione Italiana Alberghi per a Gioventù, non è strutturale, né irrimediabile. Il diminuire delle presenze negli Ostelli italiani corrisponde, infatti, ai numeri della crisi del turismo italiano di questi ultimi anni, che, come purtroppo sappiamo, è passato dal primo al quinto posto tra i Paesi più 'gettonati'. E oltre che con la latitanza delle istituzioni e l'insufficienza della polita economica turistica, fa anche i conti con tanta 'concorrenza sleale' " evidenzia in una nota la presidente dell'AIG Anita Baldi, anche in risposta allo stato di agitazione proclamato dalle organizzazioni sindacali Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL che denunciano "la pesante situazione venutasi a creare per i dipendenti di AIG". In un comunicato i sindacati lamentano infatti che "i 118 addetti dei 69 Ostelli dell’Aig" sono ancora "in attesa di ricevere le retribuzioni arretrate degli ultimi sette mesi". Se l'Aig spiega che la causa principale è il drastico calo delle presenze in quasi tutti gli Ostelli di Ancona, Bergamo, Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Alghero e Cagliari, i sindacati di categoria precisano che questa situazione è dovuta anche per "la mancata applicazione dell’accordo di rilancio siglato con le parti sociali a giugno dello scorso anno". Nel merito, l’accordo del 4 giugno del 2014 contemplava la realizzazione di due nuovi ostelli a Roma e Venezia, lo sviluppo di progetti comuni con il Miur, il ministero dell'Istruzione e della Ricerca, nell’ambito dell’utilizzo dei beni confiscati alle mafie e lo sviluppo degli accordi siglati con l’Opera Romana Pellegrinaggi per la movimentazione dei flussi di pellegrini oltre all’apertura di nuove tipologie di accoglienza per le fasce giovanili e l’utilizzo di un programma gestionale network per una migliore ottimizzazione delle prenotazioni dei posti letto.

Elena Maria Vanelli dell’ufficio sindacale Fisascat nazionale esprime quindi "forte preoccupazione per una situazione di stallo assoluto che non consente di intravedere alcuna prospettiva per il rilancio dell’Associazione e per il mantenimento dei livelli occupazionali, percorso peraltro condiviso con l'Aig nei mesi scorsi". Anita Baldi evidenzia però che la crisi dell'Aig è stata "fortemente segnata da una causa principale: la perdita dell'Ostello del Foro Italico, 'tolto' all'Associazione dopo decenni di gestione, e oggi miserevolmente inutilizzato, abbandonato a se stesso nella più completa incuria e nel degrado". La presidente dell'Associazione Italiana Alberghi per a Gioventù chiarisce quindi che "finora nessuno, nonostante il problema e la prospettiva della cronica difficoltà sia stato fatto presente ad ogni livello istituzionale, ha mosso un dito per trovare una soluzione, e tanto più, come detto, nella governance della città di Roma ed in quella regionale. Nonostante ogni sforzo possibile, tanti incontri, convegni e promesse, nessuno ci ha dato soluzione per poter disporre, quale ente morale e assistenziale come siamo, a condizioni congrue alla nostra mission". Baldi si dice quindi sorpresa per "la dichiarazione della Fisascat, Cisl, Filcams, Cgil e Uiltucs, riguardo una 'concausa' alla crisi, identificata nella mancata applicazione dell'accordo di rilancio siglato con le parti, con la dichiarazione sottintesa che ci sia colpa di cattiva gestione".

La vertenza dei sindacati approderà il 30 marzo 2015 al ministero dello Sviluppo Economico, dove si aprirà un tavolo di confronto. L'Aig in tale occasione dovrà presentare, su richiesta dello stesso dicastero, un piano di risanamento per scongiurare l’esito negativo dei negoziati. Una occasione da non perdere per l'associazione è sicuramente quello del Giubileo della Misericordia, che avrà inizio l'8 dicembre 2015. La Regione Lazio e il Comune di Roma stanno infatti già lavorando alla creazione di un ostello della gioventù nella Capitale. Per ora sono due le principali ipotesi in campo: il complesso del Santa Maria della Pietà, a Monte Mario, che già nel 2000 ospitò un ostello, e l'ex Enalc di Ostia, sul litorale romano.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: