le notizie che fanno testo, dal 2010

AIDS sesso e anziani: over 60 meno test HIV, a rischio contagio

Il sesso tra anziani è "pericoloso" quanto quello tra i giovani. I dati di una ricerca australiana pubblicata da Sexual Health avverte quanto il test dell'HIV sia meno frequente nella popolazione anziana. Gli over 60 sono a rischio quanto gli under 35, anche se hanno una capacità si spesa maggiore.

L'AIDS ha oggi molte più possibilità del passato di insinuarsi nella vita degli anziani. Dopo la rivoluzione sessuale "chimica" (leggi Viagra) non c'è alcun dubbio che la terza età sia un periodo sessualmente attivo e per questo meno sereno, dal punto di vista della infezioni sessuali, dei vecchi tempi, quando nonno e nonna stavano davanti al camino a cuocere caldarroste (anche d'estate). Il fatto che l'Istat abbia certificato che, per la prima volta nella storia, nel 2014 la coppie under 35 (i giovani) hanno speso di meno rispetto a quelle over 65 (i vecchi) fa chiaramente il resto. Viagra più potere economico uguale "aumentare i test dell'HIV sulle persone anziane". Questo è il consiglio dello studio australiano intitolato "Sexually transmissible infections and characteristics of men aged 60 years and over attending a public sexually transmitted diseases (STD) clinic in South Australia" pubblicato sulla rivista Sexual Health che analizza le ricadute dell'attività sessuale sulla diffusione delle malattie veneree. Il rapporto curato da Carole Khaw, Bin Li e Russell Waddell si riferisce alle malattie e alle infezioni sessualmente trasmissibili (abbreviate appunto in STI, sexually transmissible infections) che colpiscono sempre in maggior numero gli anziani con risvolti pesanti verso la sanità pubblica.
Una delle STI più temute è ovviamente l'AIDS con i contagi che aumentano potenzialmente proprio nella terza età. Altri studi infatti dimostrano come i sistemi di protezione per il cosiddetto "sesso sicuro" non siano usati dagli anziani dato che hanno abbandonato da tempo la contraccezione. I ricercatori del Royal Adelaide Hospital sottolineano che oltretutto "esistono pochi studi sulle malattie sessualmente trasmissibili negli uomini di età superiore ai 60 anni di età". Lo studio retrospettivo è stato effettuato osservando le caratteristiche delle malattie sessualmente trasmissibili in 29.106 uomini (di cui 689 erano di età superiore ai 60 anni di età) in un arco di tempo di 13 anni. Il risultato è che gli uomini più anziani hanno meno occasioni di fare il test dell'HIV rispetto alla popolazione più giovane. La conclusione dei ricercatori australiani, un po' alla Catalano, è che "vi è la necessità di aumentare i test HIV negli anziani".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: