le notizie che fanno testo, dal 2010

AIDS: arriva il gel vaginale per prevenire HIV

Un gel vaginale e il contagio da HIV sarebbe addirittura dimezzato. Entusiasmo nel mondo scientifico per una scoperta diffusa da Salim Abdool Karim, direttore del centro studi Caprisa, Centre for AIDS Programme of Research in South Africa. Se usato con frequenza proteggerebbe oltre il 50 per cento delle donne.

Grande entusiasmo nel mondo scientifico per una novità nella guerra contro l'AIDS. Sembra che un gel vaginale "medicato", ovvero contenente un principio attivo, in questo caso il "tenofovir", dimezzi il rischio di contagio per le donne di contrarre il virus dell'HIV e quindi di incorrere nell'AIDS. Il tenofovir (Tenofovir disoproxil fumarato), è un antiretrovirale utilizzato nella cura dell'AIDS e uno studio sudafricano del centro Caprisa, capitanato dal professor Salim Abdool Karim, ha sperimentato il trattamento per via topica e ha pubblicato i risultati, molto incoraggianti, sulla prestigiosa rivista Science.
La ricerca dimostrerebbe che il gel vaginale applicato prima e dopo il rapporto sessuale avrebbe diminuito del 50 per cento nel primo anno la possibilità di contrarre l'HIV. Sembra che il gel sia stato testato su centinaia di donne africane per tre anni e abbia protetto dopo due anni e mezzo il 39 per cento delle donne dall'infezione (con uso continuativo).
Il gel vaginale potrebbe essere l'alternativa al preservativo perché "è difficile trovarli nelle zone remote d'Africa" come scrive qualche giornale (ma il gel vaginale cresce sotto le piante del banano?) ma soprattutto per quegli uomini "che rifiutano il rapporto sessuale con il condom".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Africa# AIDS# donne# guerra# HIV# piante# ricerca# virus