le notizie che fanno testo, dal 2010

Il pericolo della dipendenza dal gioco: A Sua Immagine, 28 maggio Rai1

"Oggi ha 66 anni, è vedovo dal 2006 e ha due figli. Ex dipendente Telecom, non aveva mai giocato d'azzardo se non la schedina con i colleghi d'ufficio. Il giorno che arriva nella sua buca delle lettere la comunicazione del TFR, compra un 'gratta e vinci' da 5 euro e ne vince 1000", fa sapere in un comunicato la Rai.

"Oggi ha 66 anni, è vedovo dal 2006 e ha due figli. Ex dipendente Telecom, non aveva mai giocato d'azzardo se non la schedina con i colleghi d'ufficio. Il giorno che arriva nella sua buca delle lettere la comunicazione del TFR, compra un 'gratta e vinci' da 5 euro e ne vince 1000" riportano in un comunicato dalla Rai.
"Entra nel circolo vizioso del gioco e perde centinaia di migliaia di euro. Lo schiaffo di un amico gli salva la vita - sottolinea quindi la tv pubblica di Stato -, e lo indirizza a don Alberto della Fondazione anti-usura. Entra in un gruppo di Giocatori Anonimi e da sei anni non gioca più. Sarà l'ospite di 'A Sua Immagine' sabato 28 maggio, su Rai1 alle 17.10. In studio con Lorena Bianchetti ci sarà infatti proprio Agostino, che vuole raccontare la sua storia per spiegare quali siano i danni reali del gioco d'azzardo. Insieme a lui anche il prof. Leonardo Becchetti, economista, che racconterà tutta la verità su un mondo sotterraneo in grado di distruggere vite umane. Nel corso della trasmissione si ascolterenno le testimonianze di altri giocatori e si conoscererà più da vicino l'attività della Fondazione anti-usura. Subito dopo la prima parte la linea passerà a 'Le ragioni della speranza', che affronterà questa settimana un problema sempre più sentito nella società italiana: l'emergenza abitativa. E mostrerà come a Torino, dal 1829, il modello sociale inaugurato dai marchesi di Barolo continua, ancora oggi, a preservare la dignità della persona."
Viene illustrato in conclusione: "Don Maurizio Patriciello visiterà l'housing Giulia e incontrerà alcuni ospiti: persone in emergenza abitativa, sfrattate, giovani fragili ed anche lavoratori e studenti fuori sede che trovano temporaneamente, in 48 appartamenti, una casa accogliente in grado di offrire loro anche un rete di relazioni utile a vivere serenamente."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: